Centinaia di presenze ogni giorno per il Museo internazionale delle guerre mondiali di Rocchetta a Volturno, tanto da diventare una delle tappe imperdibili del tour molisano di turisti provenienti dall’Italia ma anche dall’estero, per scoprire le bellezze e la cultura molisana.

Sarà merito della grande collezione e della vasta esposizione, di oltre 900 metri quadrati, allestita dai due fondatori del Museo ad attirare gli appassionati e i turisti di ogni angolo del mondo. Solo in questi ultimi giorni, con il week end alle porte, si sono susseguite visite da parte di visitatori provenienti dal Belgio, dalla Svizzera e dal Canada.

Il Museo Internazionale delle Guerre Mondiali è stato costituito il 16 dicembre 2010 da Jonny Capone e Filippo Sparacino, due appassionati dell’epoca bellica che in 41 anni di ricerche e di duro lavoro hanno allestito una collezione completa “da loro finanziata” di uniformi e divise originali appartenenti agli eserciti delle due guerra mondiali, nonché un a sala “ tecnica “ dove sono esposte oltre 150 armi delle varie forze armate nel Novecento. La collezione si arricchisce anche di reperti bellici, di cannoni, di aerei, di una sala dedicata agli eroi “medagliati”, al settore medico e a quello dei nemici da “combattere”.

Jonny e Filippo regalano infine ai visitatori la possibilità di vivere un viaggio nella storia attraverso racconti, descrizioni dettagliate, aneddoti e curiosità dell’epoca, riportando il turista indietro nel tempo con approfondimenti e immagini vivide.

Il Museo è affiliato all’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano , collabora con la Società italiana di storia militare ( S.I.S.M. ) nonché ha ottenuto il patrocinio dell’Università degli Studi del Molise ( UNIMOL ). All’interno del Museo si svolgono periodicamente presentazioni di libri e seminari scientifici aperti al pubblico e agli appassionati.

 

Potrebbe interessanti anche:

Inclusione, iniziativa Associazione persone down e Dynamo Camp a Campobasso

L’inclusione rende il mondo più colorato e un mondo colorato è più bello. Un concett…