La composizione delle 60 squadre di Lega Pro è finalmente conclusa. Ieri pomeriggio è arrivata la sentenza del Collegio di Garanzia del Coni in merito al ricorso presentato dal Fano, contro l’esclusione, operata dalla Figc, dalla graduatoria dei ripescaggi. Ebbene la sentenza è stata confermata, Fano out, Pistoiese ufficialmente ripescata in Lega Pro ed inserita nel girone B. Sale a 3 il numero delle società toscane che sono rientrate in terza serie dalla porta di servizio, la Pistoiese segue a ruota la Lucchese ed il Siena, tutte inserite nel raggruppamento B.


Il Campobasso prosegue la preparazione atletica in vista del debutto di Coppa Italia previsto sabato 19 a Grosseto. Per i lupi amichevole venerdì a Montenero di Bisaccia, prima di due giorni di riposo per la squadra. Al De Santis, l’avversario sarà la formazione beretti del Pescara, sicuramente un test match di minore impegno rispetto a quelli contro Avellino e Juve Stabia. Per la terza uscita ufficiale mister Cudini potrà contare sull’organico al completo eccezion fatta per il centrocampista Ladu che ha rimediato una lussazione alla spalla. Un problema che si è verificato di nuovo in allenamento dopo l’infortunio patito  sempre alla spalla durante la gara tra Rieti e Campobasso che ha consegnato la Lega Pro ai lupi, lo scorso 13 giugno. Da valutare l’entità del problema che potrebbe costringere il mediano metodista rossoblu ad uno stop medio lungo.

Rossetti


Seppur un’amichevole la gara, di domani, sarà giocata al massimo dal Campobasso, una prova generale in vista dei primi minuti ufficiali da giocare una settimana dopo. Nelle idee del tecnico rossoblu, il 4-3-3 è sempre il dogma sul quale lavorare in modo incessante. La squadra, anche grazie alle tante conferme delle passate stagioni, ha già dimostrato di aver proseguito un filo conduttore iniziato nel torneo 2018/2019, campionato poi sospeso per la pandemia. L’inserimento dei nuovi è stato sicuramente più agevole, considerato che la difesa e il centrocampo sono praticamente gli stessi dell’anno scorso, i cambiamenti maggiori sono arrivati in attacco, dove Rossetti garantisce continuità e qualità al reparto. L’attaccante nativo della provincia di Avellino, arrivato nella finestra invernale di calcio mercato, ha dimostrato in queste prime uscite una crescita davvero rilevante. Sembra che, con l’innalzamento del livello tecnico e agonistico, Rossetti vada meglio anche rispetto alla seconda metà di campionato vissuta in serie D. Ovviamente parliamo di prime indicazioni, l’ex attaccante del Messina agirà da punta centrale con compiti anche di regista offensivo. Grazie alle doti tecniche, Rossetti oltre a dialogare con i compagni e chiudere le azioni, viene fuori dai 16 metri per favorire gli inserimenti degli esterni d’attacco e delle mezz’ali di centrocampo. Esempio le due reti messe a segno da Candellori nelle amichevoli, che ha sfruttato gli assist dell’attaccante campano. Le mezz’ali in mediana saranno spesso all’interno dell’area di rigore avversaria, come Giunta, già a segno in amichevole, e Bontà, sicuramente uno specialista negli inserimenti.

Potrebbe interessanti anche:

Calcio a 5, Cln Cus Molise, pari per l’under 19 nel derby contro lo Sporting Venafro

SPORTING VENAFRO      2 CLN CUS MOLISE              2 (1-2 primo tempo)  Sporting Venafro:…