“L’inferno e la vergogna, due facce della stessa medaglia. Sirene, urla, gente che corre. Oggi il Molise ha rischiato la tragedia. Termoli, Guglionesi, Campomarino hanno vissuto un vero e proprio inferno. Le fiamme che divampavano davanti agli occhi impauriti dei cittadini sono state domate grazie all’intervento delle forze dell’ordine, dei sindaci in prima linea e grazie a mezzi di fortuna. In questo inferno dov’era il presidente della Regione Molise e capo della Protezione civile? Non un cenno di fronte alla chiusura delle vie di comunicazione (austrada, ferrovia, statale). Non una parola di conforto. E pensare che l’incendio a Campomarino ha riguardato persino il demanio regionale. Un’altra dimostrazione dell’inadeguatezza di questo soggetto che si mescola alla totale assenza di sensibilità verso il nostro Molise e verso i molisani”. E’ quanto afferma l’ex presidente della Regione Michele Iorio a proposito degli incendi che ieri hanno devastato il basso Molise.

Potrebbe interessanti anche:

Covid, monitoraggio settimanale: il Molise torna a rischio basso. 4 i nuovi casi su 325 tamponi

Quattro nuovi contagi su 325 tamponi processati, con il tasso di positività all’1,23…