“Un farmaco per aiutare a vivere”, la raccolta medicinali della Caritas diocesana di Trivento per il Venezuela. La Caritas Diocesana di Trivento continua il suo impegno accanto agli amici del Venezuela, Paese segnato e ferito da una forte crisi economica, politica e sociale che ha impoverito la vita di tutta la popolazione, tra cui è ampia la presenza dei nostri emigrati, quei tanti compaesani che hanno cercato fortuna e vita dignitosa per sé e le proprie famiglie, in uno dei paesi più belli e un tempo ricchi dell’America Latina. Con la campagna di solidarietà “Adotta un nonno in Venezuela” – fa sapere il direttore Caritas, don Alberto Conti – per più di tre anni molte famiglie della nostra Diocesi hanno aiutato più di 70 anziani ad avere un regolare pasto giornaliero e hanno contribuito ad accogliere di nuovo nel nostro paese chi ha chiesto di riavvolgere il proprio doloroso gomitolo dell’esistenza, rientrando nelle terre di origine. Oggi il nostro impegno prosegue con l’invio di medicinali, prodotti per l’igiene e mascherine: con tutto quanto occorre, cioè, per contrastare l’emergenza dovuta al Covid, che ha aggravato la già precaria situazione economica e sociale del Paese sud americano. Con il fondamentale contributo economico della Regione Molise e dell’Associazione Ali Onlus (Associazione Latinoamericana in Italia Onlus) abbiamo inviato, per via aerea, alle tre Associazioni di Molisani in Venezuela (Valencia, Caracas e Maracay), un primo carico di medicine (451 kg) e nel mese di agosto ci prepariamo ad inviarne, via mare, un secondo. Chiediamo a tutti gli uomini e donne, che vogliono offrire segni di solidarietà concreta e attiva, di partecipare alla campagna di solidarietà “Un farmaco per aiutare a vivere”. Per farlo – chiude don Alberto Conti – basta recarsi in una delle farmacie elencate di seguito acquistando uno o più farmaci OTC da banco: andranno a lenire le sofferenze dei nostri amici e delle nostre amiche in Venezuela, perché, come ci ricorda Papa Francesco “Chi vive nella povertà è povero di tutto, anche di farmaci, e quindi la sua salute è più vulnerabile. A volte si corre il rischio di non potersi curare per mancanza di soldi, oppure perché alcune popolazioni del mondo non hanno accesso a certi farmaci. C’è anche una “marginalità farmaceutica”, e questo dobbiamo dirlo. Questo crea un ulteriore divario tra le nazioni e tra i popoli. Sul piano etico, se c’è la possibilità di curare una malattia con un farmaco, questo dovrebbe essere disponibile per tutti, altrimenti si crea un’ingiustizia. Troppe persone, troppi bambini muoiono ancora nel mondo perché non possono avere quel farmaco che in altre regioni è disponibile, o quel vaccino. Conosciamo il pericolo della globalizzazione dell’indifferenza. Vi propongo invece di globalizzare la cura, cioè la possibilità di accesso a quei farmaci che potrebbero salvare tante vite per tutte le popolazioni. E per fare questo c’è bisogno di uno sforzo comune, di una convergenza che coinvolga tutti”. Elenco delle farmacie che aderiscono al progetto: Castelguidone – Farmacia Corusu, Celenza sul Trigno – Farmacia De Aloysio, Schiavi d’Abruzzo – Farmacia Comunale, Agnone – Farmacia Mastronardi, Agnone – Farmacia Tiberio, Agnone – Parafarmacia Masciotra, Capracotta – Farmacia Conti, Chiauci – Farmacia Corvino, Frosolone – Farmacia Iovine, Pietracupa – Farmacia Altieri, Fossalto – Farmacia Fagnani, Torella Del Sannio – Farmacia Marinaro, Trivento – Farmacia Trivento, Montefalcone nel Sannio – Farmacia Ciccarone, Trivento – Farmacia San Nazario, Pescopennataro – Farmacia Santa Caterina, Torrebruna – Farmacia Gallo, Civitano Del Sannio – Farmacia Garzia, Casalciprano – Farmacia Cecchetti, San Salvo – Parafarmacia Gallo. Elenco dei medicinali: medicinali per la cura delle malattie da raffreddamento, ovvero i farmaci antiraffreddore, antitosse e i prodotti per il mal di gola, che impiegano principi attivi come la nafazolina, l’acido acetilsalicilico, l’ossimetazolina; analgesici, soprattutto i medicinali per i dolori muscolari e gli analgesici generali, a base di ketoprofene, ibuprofene e FANS; farmaci gastrointestinali, nello specifico lassativo, probiotici, farmaci contro il bruciore di stomaco, antidiarroici, farmaci per lo stomaco e specialità per la cura del fegato; farmaci dermatologici, ovvero antimicotici, farmaci per la medicazione delle ferite, farmaci per la disinfezione della pelle e contro le irritazioni cutanee, medicinali per il trattamento dell’herpes simplex, medicinali contro le impurità cutanee e farmaci contro i calli e le verruche; farmaci per l’apparato circolatorio, gli oftalmici, gli integratori alimentari, i farmaci per il sistema riproduttivo, quelli per la cura della bocca, i disassuefanti, i calmanti/sonniferi, gli otologici, gli stimolanti e gli antinausea.

Potrebbe interessanti anche:

San Casto primo evangelizzatore della diocesi di Trivento, oggi 4 luglio le celebrazioni

San Casto primo evangelizzatore della diocesi di Trivento, oggi 4 luglio le celebrazioni. …