Festività di sant’Emidio a Roccavivara: realizzata una treccia di grano record lunga 310 metri. Madrina d’eccezione, la giornalista Selvaggia Lucarelli. Nel piccolo centro montano di Roccavivara, un gruppo di volontari devoti alla tradizione del grano in onore di Sant’Emidio, ha lavorato una treccia di grano lunga 310 metri. L’enorme treccia è stata realizzata nel corso delle ultime due settimane a seguito della tradizionale mietitura del grano. A Roccavivara – fanno sapere gli organizzatori – la mietitura del grano e la decorazione del paese con spighe e chicchi di grano si lega ad un’antica devozione. Il 5 agosto è la festività di Sant’Emidio, per questa occasione, vengono realizzati dei classici carri di grano, “le traglie” che sfilano lungo le strade del paese. Tuttavia, la pandemia ha interrotto questa antica tradizione popolare ma non la voglia dei cittadini di essere protagonisti nella devozione al santo. Nella giornata di ieri è stata effettuata l’installazione dell’enorme treccia denominata “la treccia che unisce”; questa costruzione di grano collega tutto il centro storico del paese: partendo da Piazza Carlo Tufilli passa nei pressi della Chiesa di San Michele Arcangelo per poi salire in Piazza Portella fino a Corso Guglielmo Marconi. A prendere visione della treccia, sono giunti anche la giornalista Selvaggia Lucarelli e il cuoco Lorenzo Biagiarelli; contattati attraverso i canali Instagram di promozione del territorio rocchese, la coppia, in vacanza in Molise, è stata incuriosita dal progetto della treccia e ha deciso di visitare il piccolo paese molisano. Alla coppia sono stati donati alcuni prodotti tipici e i principali lavori artistici e culturali che rappresentano la comunità rocchese. Ai lavori di ieri ha partecipato anche il Sindaco Angelo Minni che così ha commentato, “sono molto entusiasta di questa iniziativa, vorrei ringraziare in primis tutto il gruppo di volontari, ragazzi e ragazze, uomini e donne, persone straordinarie che hanno permesso che tutto ciò fosse possibile – ha detto il primo cittadino – in particolare, vorrei ringraziare il mio amico Gabriele promotore principale dell’iniziativa. Purtroppo anche quest’anno non sarà possibile svolgere le festività estive nella normalità, non ci sarà la classica sfilata delle traglie del 5 agosto, ma nonostante ciò la voglia e la devozione verso Sant’Emidio ha portato a questo risultato. Siamo riusciti ad addobbare il paese e a renderlo dorato e pieno di grano – chiude Minni – come la tradizione vuole. Invitiamo tutti a visitare il nostro paese e a osservare con i propri occhi questa splendida installazione record, vi aspettiamo numerosi”.

 

 

 

Potrebbe interessanti anche:

Covid: 27 nuovi positivi e 19 guariti. al via prenotazioni terze dosi per chi ha da 18 anni in su

Sono 917 i tamponi refertati, da cui sono emersi 27 nuovi positivi. Torna a salire il nume…