“Dopo 1 anno e mezzo e, stando alle dichiarazioni del Presidente della Regione Molise in consiglio comunale, centinaia di migliaia di euro spesi, siamo ancora senza Centro Covid, senza personale, con i reparti che, giorno dopo giorno, muoiono o vengono, di fatto, soppressi, i privati che dismettono nell’inerzia della politica”. Duro affondo dei consiglieri comunali del centrosinistra a Campobasso.
Nessun cambio di passo, anzi, sembra di assistere ad un ulteriore arretramento. I parlamentari di questa regione – continuano Alessandra Salvatore, Giose Trivisonno, Bibiana Chierchia e Antonio Battista – eletti in movimenti e partiti di governo, mettano in atto iniziative, anche eclatanti, che siano efficaci, affinché il Governo, il Ministro della Salute e la nuova struttura Commissariale intervengano immediatamente e portino cambiamenti positivi. Noi molisani – concludono – non siamo cittadini di serie B e pretendiamo rispetto e tutela per i nostri diritti, in primis quello alla vita ed alla salute”.

Potrebbe interessanti anche:

Covid: casi in aumento in tutte le regioni tranne che in Molise

Il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe rileva nella settimana 21-27 luglio 20…