Salute, connessioni e lavoro: sono i tre grandi temi sui quali i consiglieri comunali di Campobasso del Partito democratico, Giose Trivisonno, Bibiana Chierchia, Alessandra Salvatore e Antonio Battista hanno focalizzato la loro attenzione, sollecitando il coinvolgimento del Consiglio comunale, in particolare la Giunta, a dare risposte immediate. Temi che dunque sono stati affrontati nel corso del Consiglio comunale, convocato proprio su richiesta del Gruppo del Pd secondo cui la situazione è tale da richiedere interventi importanti, anche alla luce dei fondi che l’Europa mette a disposizione, tra i quali quelli del del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Il Pd parte dal tema della salute perché la salute, il diritto alla cura vanno tutelati e garantiti a tutti. “In una regione dove mancano i servizi sanitari essenziali non esiste neppure la possibilità di occuparsi del resto – è la denuncia – La sanità pubblica deve tornare al centro. Abbiamo perso anche l’occasione di sfruttare i fondi stanziati per l’emergenza pandemica.  Le risorse del Pnrr devono andare a segno. La salute, banalmente, resta la prima cosa da riportare al centro dell’azione programmatoria e di intervento”, è la richiesta, pressante dei consiglieri di opposizione. E poi ci sono le connessioni, a vari livelli. “Le reti sono tante, il Molise va connesso a tutte quelle possibili – spiegano – La rete Internet, quella idrica, la rete della formazione, della conoscenza e della specializzazione, le reti del turismo ambientale ed enogastronomico, le reti stradali e ferroviarie.
I fondi Europei consentono di investire molto su questi aspetti – ricordano – anche se per le infrastrutture viarie si tratta più di progettare ed aspettare finanziamenti specifici, che sono saltati a causa della assenza di progettazioni esecutive. Solo le reti possono portare a colmare  l’esigenza primaria e finale: il lavoro – aggiungono gli esponenti del Pd – Tutta la programmazione porta a questo. Se abbiamo una regione con una Sanità pubblica forte e di qualità, se questa regione è connessa, allora possiamo arrivare alla creazione di lavoro vero e per tutti e, dunque, ad invertire il drammatico trend demografico- proseguono. Se il Molise sarà connesso alla rete del turismo ambientale, alla rete dei trasporti, daremo linfa alle attività produttive, all’esportazione, all’industria e al turismo”, concludono i consiglieri comunali, convinti della necessità di giocare tutte le carte a disposizione per tentare di invertire la tendenza e guardare finalmente al futuro con maggiore ottimismo, dopo oltre un anno di pandemia che ha messo in ginocchio l’intera economia.

Potrebbe interessanti anche:

Assemblea Diocesana, ad Agnone la relazione sul Sinodo della Chiesa

Si terrà questo pomeriggio ad Agnone, alle ore 17 presso al Chiesa SS Maria di Costantinop…