Comune di Trivento, il sindaco pubblica l’ordinanza sul divieto di utilizzo dell’acqua potabile per usi impropri. L’amministrazione comunale, al fine di prevenire una emergenza idrica e disagi alla popolazione, ha emanato un’ordinanza di divieto di utilizzo dell’acqua potabile per usi impropri con decorrenza immediata e fino al 30 settembre 2021. Si tratta di qualunque utilizzo per uso diverso da quello potabile ed igienico, dell’acqua erogata dal pubblico acquedotto in tutto il territorio comunale, ed in particolare è vietato: irrigare orti e giardini privati, lavare automezzi e fosse biologiche, riempire piscine, alimentare fontane private, manovrare saracinesche e chiavi d’arresto senza l’autorizzazione dell’Ente e ogni altro uso estraneo alle norme del contratto di erogazione dell’acqua potabile ad uso domestico. È prevista una deroga qualora per motivi di pubblico interesse o per il mantenimento di beni pubblici quali giardini, aiuole, siepi, viali e piazze alberati e fioriere, oltre che per improrogabili ed inderogabili esigenze, si debba far uso dell’acqua erogata dal pubblico acquedotto, il personale dipendente del Comune o ditte esterne appositamente incaricate, possono farne uso sia per garantire le buona conduzione del bene, sia per altro scopo che rivesta carattere di urgenza e necessità. Per i contravventori è prevista una sanzione amministrativa da € 25,00 ad € 500,00.

Potrebbe interessanti anche:

Isernia, presentazione ufficiale della squadra alla città

La società sportiva comunica volontà di dar vita alla presentazione della prima squadra, i…