La domanda d’iscrizione è andata a buon fine, il Campobasso è ufficialmente una società di Lega Pro. Abbiamo anticipato ieri, ma anche lo scorso week end, della chiusura delle pratiche per la partecipazione al prossimo torneo di terza serie. L’ultimo step sarà il benestare della Covisoc, atteso per giovedì, ultimo passaggio, formale, per vedere finalmente i lupi giocare nell’ex serie C. Non vi erano dubbi sull’iscrizione dopo così tanti sacrifici fatti da parte della proprietà, una dirigenza che con passione e abnegazione ha riportato il calcio professionistico in Molise. Abbiamo sostenuto in questi giorni la bontà dell’operato della società che con i fatti ha smentito le dichiarazioni dei soci di minoranza Rizzetta e Cirrincione.  Lo stesso patron Mario Gesuè, dopo l’avvenuta iscrizione, ha pubblicato sul suo profilo instagram un selfie con una linguaccia, in segno di euforia e gioia, con alle spalle lo stemma della Lega Pro con la dicitura “Il Calcio che fa bene al Paese”. Segnale di entusiasmo da parte del patron che ha incassato tutti i colpi arrivati da oltre oceano e ha risposto con i fatti.

il patron Gesue

Un impegno che riguarda non solo la prima squadra ma anche il settore giovanile, il Campobasso dovrà allestire oltre la compagine berretti ora denominata Primavera 4, anche le squadre allievi e giovanissimi a livello Nazionale ale nel panorama del possibile girone C, con trasferte davvero lunghe. Insomma si entra nell’elitè del calcio, con le società che diventano delle Srl e che devono allestire un vero e proprio vivaio per poter partecipare. Come detto serve il parere finale della Covisoc ma possiamo parlare di mera formalità, da ora in avanti attenzioni rivolte alle conferme, al calcio mercato e alle prime date per l’avvio della stagione 2021/2022. Tempistiche abbastanza ristrette, considerato che si scenderà in campo a metà agosto per il turno di Coppa Italia, mentre il campionato partirà il 29 del prossimo mese. Facile ipotizzare l’avvio del ritiro estivo tra una quindicina di giorni, anche meno, per preparare nel migliore dei modi il ritorno tra i professionisti. Nessun dubbio sulle conferme dello staff tecnico si attendono solo gli annunci ufficiali per Cudini ed il suo staff, a seguire toccherà ai protagonisti della passata stagione. Si entra nel vivo, quindi, dell’organizzazione della nuova stagione con il fermento crescente tra i tifosi pronti a supportare la società con la campagna abbonamenti. Il sostegno non mancherà di certo, con la speranza che prima dell’inizio del campionato il Governo possa allargare le maglie per le presenze allo stadio, ora al 25% della capienza. Pronto anche il toto mercato, per individuare le pedine su cui puntare per offrire a mister Cudini una squadra giovane con elementi di esperienza nei settori giusti del campo.

il Gozzano

In merito alla situazione delle altre società in Lega Pro, nessuna novità rilevante con il Gozzano, vincitore del Girone A, che non ha consegnato gli incartamenti necessari alla partecipazione al torneo di terza serie. Un’ipotesi che circolava ormai da settimane e che è stata confermata ieri sera. All’appello manca anche l’ACR Messina, capolista del Girone I che, vista la proroga causa Covid-19 del raggruppamento di appartenenza (il campionato è terminato sabato scorso), ha una deroga fino al 13 luglio per presentare quanto necessario. Una volta accertate le posizioni dei 60 club, da ricordare anche la situazione precaria della Casertana, ci sarà spazio per eventuali riammissioni e ripescaggi.

Potrebbe interessanti anche:

Calcio, Lega Pro, Merkaj approda a Campobasso, Vitali saluta. Domenica sfida importantissima per i lupi

Nella tarda serata di ieri si è chiuso ufficialmente il passaggio del classe 2002 Pablo Vi…