Martedì 23 giugno è calato il sipario sulla stagione 2020/2021 dell’FC Matese. La matricola del girone F ha disputato un campionato più che positivo se consideriamo che i bianco verdi hanno chiuso la regular season al quinto posto, ultimo piazzamento utile della griglia play-off. Nella semifinale post-season il Matese ha ceduto, solo di misura, al Notaresco. Insomma una chiusura di stagione decisamente a testa alta. La società si era concessa qualche giorno di riposo, oggi si sta già progettando il futuro. Il primo punto all’ordine del giorno è l’allargamento della base societaria. Patron Luigi Rega ha intavolato una trattative con il gruppo Seri srl, che opera nel settore energetico. La società, sempre della provincia di Caserta, è stata attirata dal progetto dell’FC Matese che comprende non solo la prima squadra ma anche il settore giovanile. Un ingresso societario importante che potrebbe ulteriormente alzare gli obiettivi del club. Sul fronte tecnico non si può che ripartire da Corrado Urbano. Facciamo un passo in dietro, l’approccio alla quarta serie per il Matese non era stato dei migliori, solo un punto nelle prime sette giornate. La società ha confermato piena fiducia al mister, attuando una rivoluzione nella rosa, i risultati di fine campionato testimoniano che il club ha fatto la scelta giusta. Mister Urbano e il DS Corsali sono già a lavoro per allestire il nuovo organico. L’intenzione è quella di ripartire dallo zoccolo duro della squadra, anche se dobbiamo segnalare già le valige pronte per Leo Abreu. L’attaccante portoghese classe 1998 sembra abbia già raggiunto l’accordo con il Savoia Calcio. Chiudiamo con la questione stadio, rientrate la diatriba con l’amministrazione comunale, che ha garantito per la prossima stagione il nullaosta per l’utilizzo del Ferrante. Per il secondo campionato in quarta serie finalmente il Matese potrà contra  sull’apporto del pubblico.

Spostiamoci in alto Molise dove ieri si è svolta l’assemblea popolare. Il direttivo 2020/2021 dell’Olimpia Agnonese è stato sciolto, è rimasto al vertice del club solo il presidente Mario Russo e c’è stata l’approvazione del bilancio consuntivo. Si è palato anche di presentare o meno la domanda di ripescaggio in serie D, l’intenzione è quella di ripartire dal massimo campionato regionale. La cordata che riporterebbe i vecchi soci in alto Molise ha garantito un contributo in caso di ripartenza dal torneo di Eccellenza.

Potrebbe interessanti anche:

Calcio a 5, Cln Cus Molise, pari per l’under 19 nel derby contro lo Sporting Venafro

SPORTING VENAFRO      2 CLN CUS MOLISE              2 (1-2 primo tempo)  Sporting Venafro:…