Dopo mesi di attesa, arriva ad una svolta la vicenda dei lavoratori precari della Sanità. Ottanta operatori socio sanitari i cui contratti sono scaduti a fine maggio. Per due volte il Consiglio regionale si è espresso favorevolmente rispetto alla proroga dei contratti. Adesso, sollecitato dallo stesso presidente della Regione, Toma, l’atteso incontro tra l’Azienda sanitaria regionale, rappresentata dal direttore generale Florenzano, il sindacato USB che fin dalle prim battute ha sostenuto la vertenza, e i rappresentanti dei lavoratori.

Sul fronte politico, una parte attiva l’ha svolta il Movimento 5 Stelle. Ci sono spazi per risolvere la vicenda, dice Angelo Primiani, che scova nel piano assunzionale dell’Azienda sanitaria 20 posti da Oss a cui poter fare riferimento.

Sul piano generale, dal Movimento 5 Stelle è venuta sempre l’istanza a bandire concorsi che in via strutturale potessero risolvere il tema della carenza di personale. Concorsi veri – dice Primiani – e non bandi che valgo per tre o quattro mesi ed ai quali nessuno presta attenzione.

Potrebbe interessanti anche:

Frosolone, sabato e domenica all’insegna dei ricordi

Ritorna come ogni anno sabato 31 luglio e domenica 1 agosto 2021 la “Piazzetta dei Ricordi…