Le semifinali play off d’andata hanno confermato i pronostici della vigilia. Aurora Alto Casertano ed Isernia hanno ipotecato il passaggio in finale nelle gare di domenica scorsa. Le due super favorite alla vittoria, hanno certificato il risultato della prima fase del nuovo campionato di Eccellenza. A dire il vero entrambe le squadre erano favorite anche ad inizio stagione, prima che la pandemia fermasse il campionato. Due società che capaci di sostenere spese importanti anche durante il periodo di stop forzato e che hanno programmato la ripresa delle ostilità nel migliore dei modi. Detto questo la finalissima ancora non è scritta, c’è ancora una gara da giocare per entrambe. La formula, lo ricordiamo, prevede la finalissima sabato 19 giugno, in campo neutro, probabilmente al Selvapiana di Campobasso, senza alcun vantaggio per le posizioni in classifica. Uno spareggio secco, al termine del quale verrà fuori la rappresentante del campionato molisano nel prossimo torneo di serie D. Un evento senza dubbio unico nel suo genere, da ricordare negli annali del calcio molisano, mai si era arrivati ad una finale play off per decretare la vincente del campionato. Lo spareggio però non è una novità, nella stagione 2000/2001 Trivento e San Giorgio Collathia, arrivate a pari punti al termine del campionato, giocarono la finalissima sempre al Selvapiana, con il successo finale della squadra pugliese per 3 a 2 contro i trignini. In attesa dell’evento conclusivo si devono giocare le semifinali di ritorno.

calcio d’inizio tra Termoli e Aurora Alto Casertano

A Capriati al Volturno, l’Aurora attende il Termoli. Si riparte dal 2/0 per i campani maturato al Cannarsa grazie alle reti di Panico e Rega. Il Termoli cercherà in tutti i modi di sovvertire i pronostici e guadagnare la finale, impresa davvero ardua considerato che i giallorossi dovrebbero espugnare il campo dell’Alto Casertano con tre reti di vantaggio. Stesso obiettivo del Venafro, ospite al Lancellotta dell’Isernia di mister Di Rienzo. Grosso rammarico per gli uomini di Capaccione, al Marchese del Prete i biancocelesti si sono imposti per 3 a 1, ma sul parziale di 1 a 1 i bianconeri hanno fallito un calcio di rigore con Lombardi. Da quel momento il cambio totale dell’esito della gara, con l’Isernia spietata nel colpire due volte e chiudere i conti sul doppio vantaggio. Difficile pronosticare anche qui un cambio di esito, certo il calcio regala spesso imprese assolutamente inaspettate, Termoli e Venafro non hanno nulla da perdere e cercheranno in tutti i modi di rientrare in gioco.

l’esultanza dei biancocelesti

Potrebbe interessanti anche:

Mountainbike, il bilancio della Sei Torri Bike Team

Bilancio di metà stagione decisamente positivo per la neonata società ciclistica campobass…