Senza soluzione di continuità l’attività di repressione al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nell’area matesina. I Carabinieri nel corso di un servizio di controllo del territorio, durante un posto di blocco nei pressi del polo industriale di Campochiaro, all’ato di identificare un automolista, il Comandante si era accorto di un furgone che, alla vista dei militari, ha effettuato una manovra cveloce per evitarli.
Immediata l’intimazione dell’alt e l’identificazione del conducente e dei due passeggeri, 21enni coetanei, operai di una ditta che effettua manutenzioni in tutta Italia.
Alla richiesta di chiarimenti per la manovra effettuata, hanno riferito doversi recare alla sede di una ditta sita in Campobasso, ma il navigatore li aveva indirizzati alla succursale di Campochiaro.
Le giustificazioni e uno stato di agitazione generalizzato non hanno convinto il Comandante della Stazione ed il suo collaboratore e il controllo ai terminali ha avvalorato i sospetti. I due, infatti, avevano precedenti.
Infatti, prima di dare corso ad attività perquisitiva, il conducente ha consegnato un involucro in cellophane contenente circa 15gr. di “marijuana”,nascosta in un marsupio.
Tutti e tre i giovani hanno ammesso di farne uso e di averne acquistato insieme a Napoli un quantitativo che consentisse loro di effettuare la trasferta lavorativa di alcuni giorni.
Lo stupefacente è stato sequestrato e per i tre giovani è scattata la segnalazione all’Autorità Prefettizia.
Analoga attività è stata effettuata dai Carabinieri di Sepino che nel corso di un servizio disposto dal Comando Compagnia, hanno proceduto al controllo di due uomini di origini campane, pluripregiudicati, che si aggiravano senza una meta nel centro di Bojano. Al termine di un accurato controllo personale e veicolare, in ragione dei precedenti, sono stati proposti per l’emissione della misura del Foglio di Via Obbligatorio e divieto di ritorno nel comune.
Nel corso del weekend, le pattuglie dell’Aliquota Radiomobile del Comando Compagnia di Bojano impegnate nel controllo del territorio, hanno proceduto all’identificazione di diversi giovani locali, tre dei quali trovai in possesso di modica quantità di sostanza stupefacente del tipo “marijuana” ed “eroina – kobret”, per i quali è scattata la segnalazione all’Autorità Prefettizia.
La notte di domenica, invece, una gazzella ha controllato due giovani in un’auto parcheggiata nella piazza principale del paese. L’intento era quello di accertare i motivi della sosta, ma nel corso del controllo è spuntato un coltello a serramanico della lunghezza di cm 23, che il giovane conducente occultava nel vano ricavato nel bracciolo della sua auto. La successiva ispezione eseguita sugli effetti della fidanzata, dava, invece, esito negativo. Il 27enne bojanese è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria di Campobasso ex art. 4 L. 110/75 (porto ingiustificato di armi od oggetti atti ad offendere).

Potrebbe interessanti anche:

Agnone, il Rotary Club illuminerà il campanile della chiesa di San Pietro

Giovedì prossimo, 24 giugno 2021, sarà inaugurata ad Agnone all’imbrunire la nuova i…