Sabato scorso si è chiusa la stagione del Cln Cus Molise. Il Futsal Cobà si è imposto nella finale play off del girone C con il punteggio di 6 a 2. A Porto San Giorgio si è interrotto il cammino della giovane squadra di Marco Sanginario. Una stagione da incorniciare per i cussini, nel secondo campionato di A2, la società d’ateneo ha raggiunto il primo obiettivo, la salvezza, senza mai correre rischi. Inoltre è arrivata la gioia di poter giocare la final eight di Coppa Italia, per aver chiuso al comando il girone d’andata, ed il quarto posto finale in campionato con la vittoria nella semifinale play off. In un’annata difficile e fortemente condizionata da tutte le problematiche covid, il Cus Molise si è consolidato nel secondo campionato nazionale e nel panorama del calcio a 5  italiano. La vetrina della Coppa Italia ha lanciato ancor di più Barichello e compagni nel futsal d’elitè, la squadra ha compiuto una vera e propria impresa.

Budget limitato, i tanti infortuni, il cambio di sede, ricordiamo il passaggio dal Palaunimol allo Sturzo a metà stagione, tutte componenti che testimoniano la bontà del percorso svolto. Qualche giorno di riposo prima di iniziare ad organizzare la prossima stagione, la società ha più volte manifestato la volontà di voler rinforzare l’organico e offrire a Sanginario un roster più competitivo. Una crescita graduale per un gruppo dirigenziale che ha saputo sempre fare le scelte giuste, con spese moderate. Tanti giovani lanciati vedi Triglia e Vinicius, tanti giocatori che offrono garanzie tecniche come Turek e Barichello. Quest’ultimo si è legato alla società cussina per altri due stagioni, con l’obiettivo di vincere con la maglia del Cus e portare la squadra in A1.

Potrebbe interessanti anche:

Pallavolo Serie B, esordio vincente per l’EnergyTime Spike Devils Campobasso

Esordio con vittoria al tie-break per l’EnergyTime Spike Devils Campobasso. Due punt…