Continuano le giornate di formazione del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico.

All’addestramento tecnico in forra della scorsa settimana sono seguite quattro giornate di aggiornamento e formazione sanitaria obbligatoria per tutti i tecnici del CNSAS.

Il CNSAS, tra i suoi compiti istituzionali, provvede in particolare al soccorso degli infortunati, dei pericolanti, dei soggetti in imminente pericolo di vita e a rischio di evoluzione sanitaria, alla ricerca e al soccorso dei dispersi e al recupero dei caduti nel territorio montano, nell’ambiente ipogeo e nelle zone impervie del territorio nazionale operando in stretto coordinamento con il Servizio sanitario nazionale, con il Sistema dell’emergenza e urgenza sanitaria, con i servizi di elisoccorso e con le centrali del numero unico di emergenza112, ove istituite, in qualità di soggetto di riferimento esclusivo per l’attuazione del soccorso sanitario nel territorio montano ed in ambiente ipogeo.

A queste giornate hanno preso parte, in qualità di docenti esaminatori, sei istruttori medici della Scuola Nazionale Medici del CNSAS provenienti da diverse Regioni d’Italia.

Alla didattica in aula, su tecniche e procedure di BLS-D (Basic Life Support and Defibrillation) e BTLS (Basic Trauma Life Support) sono seguite nel territorio montano dell’Alto Molise, intense attività di simulazioni di soccorso in ambiente per la gestione di indicatori situazionali e clinici di pazienti sottoposti a traumi di diversa criticità e natura.

La formazione sanitaria rappresenta un requisito essenziale per i tecnici del CNSAS, i quali sono chiamati ad attuare soccorso tecnicosanitario di emergenza in ambienti estremamente complessi e severi, a supporto del personale sanitario del 118.

Potrebbe interessanti anche:

Andrea Greco si scaglia contro Vincenzo Scarano: “Prendo le distanze dalla sua candidatura col centrodestra alle Provinciali”

Vincenzo Scarano, capogruppo di minoranza di “Agnone – Identità e Futuro”…