Dopo il recupero giocato ieri pomeriggio, il Notaresco ha accorciato le distanze dal Campobasso, ora sono 3 i punti di distacco tra le due squadre, con gli abruzzesi che hanno giocato una gara in più. Nei piani dei rossoblu non cambia assolutamente nulla, il bicchiere è sicuramente mezzo pieno considerato che il Notaresco ha vinto solo uno dei due recuperi a disposizione. I lupi hanno vinto quello contro il Pineto e proprio oggi è stata fissata a mercoledì 26 maggio, la data della sfida da giocare al Di Tella contro il Vastogirardi, valida per il turno numero 26. Domenica si gioca la 29esima giornata, sei gare al termine della stagione più ovviamente il derby in sospeso. La sensazione è che le prossime due giornate saranno decisive ed il Campobasso deve cercare due successi per chiudere definitivamente, o quasi, i giochi per la Lega Pro. Tolentino domenica a Selvapiana, poi la trasferta al Fadini contro il Giulinaova, due sfide contro due società in lotta per la salvezza, non sarà facile ma l’obiettivo è alla portata. Tolentino avversario anche del Notaresco domenica 23 maggio, mentre nella prossima giornata gli uomini di Epifani riceveranno il Cynthialbalonga che vuole rafforzare la terza posizione in classifica generale. Cudini prepara la gara contro i cremisi guidati da mister Andrea Mosconi. Obiettivo Lega Pro a parte, nella mente dello staff tecnico e della squadra c’è il ricordo vivo della sonora batosta subita a Tolentino. Un 4 a 0 netto, senz’appello per i rossoblu, uno dei tre stop stagionali. Dopo aver vendicato Castelnuovo Vomano ora è il turno del Tolentino. Le motivazioni già fortissime per un traguardo sempre più vicino si raddoppiano quando nella mente affiora il ricordo di una sconfitta così cocente. Sensazioni che chi ha giocato a calcio conosce benissimo e hanno, senza dubbio, un risvolto morale decisivo nell’affrontare la gara.

Bontà

Cudini con ogni probabilità non avrà a disposizione Esposito, difficile il rientro per il fantasista di San Martino in Pensilis che potrebbe rivedersi a Giulianova. La formazione è praticamente confermata, l’unico dubbio riguarda il ballottaggio tra Tenkorang e Di Domenicantonio. Dopo la scelta a sorpresa di Recanati, con l’utilizzo di un centrocampista in più, Candellori spostato a supporto degli attaccanti, domenica il tecnico marchigiano potrebbe tornare al consueto modulo con il sostituto naturale di Esposito in campo. Di Domenicantonio è l’ex di turno e in queste situazioni le motivazioni si raddoppiano sempre. Due giorni per sciogliere le riserve e operare la scelta migliore per una gara assolutamente importante per il cammino del Campobasso. Infine, tornano disponibili Brenci e Rossetti, per il mediano possibile una convocazione dopo oltre due mesi di stop per problemi alla schiena, ora pronto a dare un contributo importante alla squadra in questo finale decisivo di stagione. Rossetti fermo da dieci giorni può offrire una valida alternativa in attacco anche a gara in corso.

Potrebbe interessanti anche:

Calcio, Eccellenza, sold out le presenze al Poce di Riccia per Campobasso – Gambatesa. Firma il classe 2004 Lombari

Dopo una telenovela di qualche ora, si è giunti a stabilire la sede di Campobasso – …