Home Cronaca Precipitato dall’impalcatura, eseguita l’ispezione sul corpo dell’operaio
Cronaca - Evidenza - 8 Maggio 2021

Precipitato dall’impalcatura, eseguita l’ispezione sul corpo dell’operaio

Un volo di circa 30 metri e per Mario Tracinà, operaio di 55 anni residente a Jesi, non c’è stato scampo. L’ennesima morte sul lavoro. Il tragico incidente, ieri pomeriggio, in un cantiere dell’A14, tra Termoli e Campomarino. L’uomo stava lavorando al consolidamento di un ponte e dei piloni: forse un malore o la perdita di equilibrio e in un attimo è precipitato giù dall’impalcatura: l’impatto con il suolo è stato violentissimo. Vicino a lui in quel momento non c’era nessuno, i colleghi, poco distanti, hanno sentito le urla e poi il tonfo. Sconvolti hanno allertato i soccorsi. L’operaio, però, è morto sul colpo.
Sul posto il 118 con un’ambulanza della Misericordia, i vigili del fuoco, i carabinieri di Termoli e i vigili urbani di Campomarino.
Questa mattina, al San Timoteo, eseguita l’ispezione sul corpo dell’operaio
Le indagini vanno avanti: dalle prime testimonianze e dai primi riscontri dei carabinieri, guidati dal comandante Alessandro Vergine, l’uomo indossava regolarmente i dispositivi di protezione.
L’inchiesta sarà utile a capire se l’imbracatura di sicurezza fosse però allacciata o no. Se c’è qualcosa che non ha funzionato.
L’uomo lavorava per una ditta della provincia di Fermo che aveva preso in subappalto i lavori da Austostrade per l’Italia. Lascia la moglie e 2 figli.

Non mancano le reazioni dei sindacati, ancora dolore e morte sul posto di lavoro: “L’ultimo rapporto trimestrale Inail, conferma che da gennaio a marzo si sono verificati 181 infortuni mortali con una media in Italia di 2 decessi al giorno.

Il tema sicurezza, tutela della salute, formazione e investimenti tecnologici, devono urgentemente tornare – ha detto il segretario della Cigl Abruzzo-Molise, Franco Spina – ad essere una priorità per l’intero Paese.
“Gli incidenti sul lavoro sono inaccettabili, un lavoratore che non fa ritorno a casa è non solo un lutto familiare ma una sconfitta per l’interà società, ha invece commentato Tecla Boccardo della Uil

I lavoratori del settore edile, con una nota sindacale congiunta hanno annunciato uno sciopero di 4 ore.
“Oggi è un giorno triste per il settore dell’edilizia molisana che deve stringersi attorno alla necessità – scrivono – di sicurezza sui luoghi di lavoro”.

Potrebbe interessanti anche:

Poggio Sannita appare tra le pagine della Settimana Enigmistica

È con grande sorpresa che alcuni cittadini altomolisani su Facebook hanno posto all’…