Dovrà scontare altri 25 anni di reclusione Anna Minchella, l’infermiera professionale accusata di aver ucciso Celestino Valentino, 77 anni, originario di Pratella, iniettandogli acido cloridrico in bocca con una siringa a spruzzo, mentre era ricoverato nel reparto di lungodegenza del Santissimo Rosario di Venafro.

Anche la Cassazione, dopo la Corte d’Assise d’Appello, ha infatti confermato la condanna a trenta anni di reclusione per l’infermiera del Santissimo Rosario di Venafro, in carcere già da cinque anni.

Era il 22 giugno del 2016, quando uccise l’anziano malato. Cinque anni dopo i giudici della massima corte hanno confermato la prima sentenza emessa dal Gup del Tribunale di Isernia, dove l’imputata aveva chiesto il rito abbreviato.

L’accusa aveva chiesto l’ergastolo.

La donna si procurò dell’acido cloridrico da somministrare all’anziano paziente, padre di una sua collega. Voleva vendicarsi nei confronti della figlia di Celestino Valentino, che era riuscita a mantenere il suo posto al Santissimo Rosario, grazie allo stato di salute del padre e non era stata trasferita a Isernia dall’Asrem, destino toccato invece ad Anna Minchella.

Dopo la morte dell’uomo, i Carabinieri riuscirono ad incastrarla grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza di un negozio di Acqua e Sapone, a Venafro, dove si era recata per acquistare l’acido, che poi avrebbe spruzzato in bocca all’anziano. Il 77enne era ricoverato nel reparto di Lungodegenza dell’ospedale di Venafro. Morì dopo una settimana di agonia, a causa delle ustioni agli organi interni provocate dalla sostanza che la Minchella gli iniettò con una siringa direttamente in bocca.

Anche la perizia psichiatrica – che evidenziò la capacità di intendere e volere dell’infermiera – ha avuto il suo peso sulla sentenza. Anna Minchella attualmente è rinchiusa nel carcere femminile di Benevento.

Potrebbe interessanti anche:

Inclusione, iniziativa Associazione persone down e Dynamo Camp a Campobasso

L’inclusione rende il mondo più colorato e un mondo colorato è più bello. Un concett…