Isabella Ginefra resterà alla guida della Procura di Larino fino alla scadenza naturale del mandato. Lo ha deciso il Tar del Lazio che ha accolto la sospensiva presentata dai legali della magistrata barese contro l’annullamento della sua nomina, deciso a febbraio dal Csm. Il provvedimento era scaturito dal suo coinvolgimento nel cosiddetto ‘Sistema Palamara’: secondo il Consiglio Superiore della Magistratura, la nomina della Ginefra alla Procura di Larino avvenne grazie all’appoggio dell’ex consigliere del Csm Luca Palamara. Il Csm a febbraio aveva nominato al posto della Ginefra, la termolese Elvira Antonelli, attualmente Sostituto Procuratore a Sondrio. Ma adesso il ricorso e la sospensiva rinviano l’arrivo di Antonelli.

Potrebbe interessanti anche:

Una famiglia alla guida della Caritas di Termoli-Larino

Il vescovo, mons. Gianfranco De Luca ha nominato i coniugi, il diacono Vito Chimienti e su…