In dodici giorni quasi 1500 dosi di Astrazeneca somministrate al Palairino di Termoli. Va avanti la campagna vaccinale per i cittadini che rientrano nella fascia di età 70-79 anni: al palazzetto grazie alla collaborazione delle associazioni di volontariato le persone vengono accolte e fatte sistemare all’interno in sedie distanziate. All’esterno sono state invece posizionate alcune sedute per gli accompagnatori che attendono fuori. Circa 150 le persone convocate ogni giorno, di queste in poche rifiutano il vaccino Astrazeneca per i timori che ancora persistono sul preparato anglo-svedese. Molti si convincono con le rassicurazioni ricevute dai medici dopo il colloquio. Purtroppo il personale scarseggia, nei giorni scorsi l’attesa per il vaccino è durata anche 3 ore per la presenza di un solo medico per le anamnesi. La situazione oggi invece è più tranquilla, ma l’attesa non manca ugualmente. La postazione medica è stata implementata di due unità, salite così a tre: il problema del personale però resta, risorse aggiuntive non sono arrivate. Intanto il palazzetto di piazza del Papa resta aperto anche nel fine settimana e nei giorni festivi. Da domani primo maggio e per domenica farà il suo debutto al Palairino anche il vaccino Moderna, che verrà somministrato a soggetti vulnerabili che verranno convocati. Da lunedì si proseguirà con Astrazeneca. Non si ferma la campagna vaccinale in questi giorni nemmeno all’ospedale da campo della Croce Rossa, dove vengono vaccinate circa 250 persone al giorno con Pfizer, tra seconde e prime dosi.

Potrebbe interessanti anche:

La casa diventa bazar della droga, arrestato un 40enne a Santa Croce

Avevano creato non pochi sospetti quegli sconosciuti visti girovagare alla periferia di Sa…