“Si osserva un miglioramento generale del rischio, con nessuna Regione a rischio alto. Undici regioni e province autonome hanno una classificazione di rischio moderato: Calabria, Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Bolzano, Puglia, Sicilia, Toscana e Veneto. Dieci regioni che hanno una classificazione di rischio basso: Abruzzo, Basilicata, Campania, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Molise, Trento, Sardegna, Umbria e Valle d’Aosta”. Lo riporta la bozza del report del monitoraggio Iss-ministero della Salute con i dati relativi alla settimana 19-26 aprile.

Potrebbe interessanti anche:

Auto contro moto, paura sulla Statale 16: feriti trasportati d’urgenza al San Timoteo

Incidente nella serata di oggi, alle 20.30 circa, sulla Statale 16 all’altezza del v…