Si spengono molte polemiche con il ritrovamento questa mattina, durante i lavori in via Occidentale a Isernia,  di una testa marmorea dell’imperatore Augusto,  ben conservata. Ad aver ritrovato il prezioso reperto, l’archeologo Francesco Giancola, che segue  i lavori sul posto.

“Un ritrovamento importante, entusiasmante e che fa ben sperare in altri reperti storici” – ha riferito la dottoressa Diletta Colombo, Archeologo Responsabile della Provincia di Isernia – e che potrebbe testimoniare la presenza della Roma imperiale sul territorio di Isernia”.

Sulla pagina Facebook della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio del Molise le prime foto in anteprima assoluta.

“La migliore risposta alle polemiche strumentali di tutti quelli che hanno parlato senza aver letto (o ancor peggio che hanno letto senza capire) le prescrizioni per l’area delle mura crollate – scrivono nel post dalla Soprintendenza – si, è proprio lui, l’imperatore Augusto, testa di statua in marmo rinvenuta oggi nel corso dello scavo. Perché dietro le mura di una città ovviamente ci sono la città e la sua storia, che non si possono perforare con una palificata di cemento”.

Potrebbe interessanti anche:

Vasti incendi tra Monteroduni, Frosolone e Sant’ Elena Sannita: i vigili del fuoco tentano di spegnere le fiamme

Sono circa sei gli incendi che in queste ore stanno tenendo impegnate le squadre dei vigil…