Il Molise comincia quella che, salvo clamorosi colpi di scena, sarà l’ultima settimana in arancione. Da lunedì prossimo l’ormai quasi certo passaggio al giallo con le prime riaperture. I dati della settimana appena conclusa confermano il trend positivo anche se per alcuni parametri si registra una negativa inversione di tendenza, probabilmente per effetto delle feste di Pasqua; risale infatti il numero dei contagiati che negli ultimi sette giorni su 3.605 tamponi processati sono stati 243, mentre nella settimana precedente erano stati 191. Il tasso di positività così sale dal 5,9 al 6,7.

Per quanto riguarda le vittime il dato è stabile: 9 i decessi da lunedì a domenica, lo stesso numero del periodo precedente, mentre nelle altre settimane il dato era leggermente più alto.  Questi gli altri indicatori. Gli attualmente positivi sono 32 in più, erano 626 lunedì scorso, oggi sono 658. I guariti sono 204 in più. Continua a calare la pressione sugli ospedali: i pazienti assistiti tra Cardarelli, San Timoteo, Gemelli e Neuromed sono 55, 6 in meno rispetto alla settimana scorsa. Leggero calo anche per i malati in terapia intensiva che passano da 15 a 14. In regione i posti occupati di terapia intensiva sono ora il 41 per cento (con la soglia di allarme fissata al 30) mentre quelli occupati in area medica sono il 22 per cento (con la soglia di allarme fissata al 40).

Infine i vaccini. I numeri continuano a salire anche se non è ancora centrato l’obiettivo di duemila dosi somministrate al giorno. La media giornaliera dell’ultima settimana è di 1.850 dosì inoculate per un totale di quasi 13mila dosi. Nella settimana precedente la media quotidiana era stata di 1594 dosi.

Potrebbe interessanti anche:

Londra, ancora guai per il broker molisano Gianluigi Torzi

Sei punti vendita nei quartieri più chic della City: Mayfair, Notting Hill, Chelsea, Kensi…