Home Apertura Campobasso – Celebrata la festa della Polizia di Stato. Il bilancio dell’attività: calano i reati in genere, aumentano del 41% quelli legati allo spaccio di droga
Apertura - Evidenza - 10 Aprile 2021

Campobasso – Celebrata la festa della Polizia di Stato. Il bilancio dell’attività: calano i reati in genere, aumentano del 41% quelli legati allo spaccio di droga

Celebrazioni in tono minore, a causa del Covid, per il 169esimo anniversario della nascita della Polizia di Stato. Per suggellare l’importanza della ricorrenza il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha insignito la Bandiera della Polizia di Stato della Medaglia d’oro al Merito civile per “il decisivo contributo assicurato, anche nelle fasi più drammatiche, per la coesione del Paese, la tutela delle libertà fondamentali e la saldezza delle istituzioni democratiche”. A Campobasso breve cerimonia alla presenza del questore Conticchio e del prefetto Cappetta, con la deposizione di una corona sulla lapide dedicata alla memoria dell’agente Giulio Rivera, medaglia d’oro al Valor civile, che si trova all’ingresso della scuola allievi. Ma la ricorrenza è stata anche l’occasione per fare il bilancio dell’attività svolta. Nel periodo compreso tra il primo marzo 2020- 31 marzo 2021 la questura di Campobasso ha disposto oltre 800 servizi di controllo per la verifica del rispetto della normativa anti covid. Controllate quasi 100mila persone, oltre 2mila esercizi pubblici ed elevate circa 2mila sanzioni. Per quanto riguarda i reati, nel periodo preso in considerazione, c’è stata una diminuzione del 18,9% dei reati in generale, con un calo del 39% dei furti, del 41 per la ricettazione e di circa il 32% delle rapine. In calo anche il numero delle persone arrestate, 89 rispetto alle 101 dell’anno precedente. Agenti in prima linea anche nel contrasto del traffico di stupefacenti. E qui i dati sono in controtendenza, con un aumento del 41% dei casi. 15 gli arresti, con un incremento del 37% e il sequestro di ingenti quantitativi di droga. In tema di violenza di genere, sono 68 le deleghe d’indagine per il cosiddetto codice rosso a tutela delle vittime di violenza domestica e di genere, con l’esecuzione da parte della Squadra mobile di 10 misure cautelari. Dal questore Conticchio il ringraziamento a tutti i cittadini della provincia di Campobasso che a distanza di un anno dall’inizio della pandemia, un anno di sacrifici e limitazioni, continuano a dimostrare senso di responsabilità, adottando comportamenti utili a contrastare l’ulteriore diffusione del virus.

Potrebbe interessanti anche:

Pubblicato il secondo libro degli Analecta Ecclesiae Triventinae di Padre Ernesto Della Corte

Pubblicato il secondo libro degli Analecta Ecclesiae Triventinae di Padre Ernesto Della Co…