Home Attualità Isernia, Emilio Izzo rilancia e chiede al Sindaco l’utilizzo dei locali dell’ex Acqua Solfurea
Attualità - Evidenza - Isernia - Politica - 8 Aprile 2021

Isernia, Emilio Izzo rilancia e chiede al Sindaco l’utilizzo dei locali dell’ex Acqua Solfurea

Dopo l’assegnazione da parte del comune di Isernia dell’ex lavatoio all’Associazione del Tombolo isernino, escludendo altre associazioni, Emilio Izzo rilancia e chiede al Sindaco i locali nell’area dell’Acqua solfurea.

“Egregio dott. d’Apollonio, come appreso da organi di informazione, l’amministrazione da Lei retta ha aperto le finestre per concedere spazi ad uso gratuito a chi fosse interessato a portare avanti progetti di grande respiro così, come da Lei stesso portato all’attenzione pubblica, unitamente all’assessore alla cultura del comune pentro. Prova ne è la prossima destinazione dei locali dell’ex lavatoio, da tempo gestito in modo egregio da diverse associazioni, a contenitore a servizio di altre associazioni dedite al lavoro del tombolo. Nella presente non entriamo nel merito delle Sue scelte avendolo fatto in altra sede, riteniamo però sia giunto il momento di dare al nostro sodalizio culturale “Cartello Cultura Preistoris”, il giusto spazio e riconoscimento, così come ebbe a dichiarare pubblicamente in più occasioni, non ultimo durante la “Prima Assemblea Plenaria Fondativa” presso l’Aula Consiliare del nostro e Suo comune. Superfluo ricordare proprio a Lei, attuale presidente onorario, il percorso lungo, studiato e meditato che ha portato Preistoris prima a fondarsi, poi a presentarsi alla stampa ed infine affermarsi attraverso importanti momenti aggregativi quali “Togliamoci le Pulci” mercatino dell’usato nel centro storico cittadino, “Preistoca” presso il palazzetto dello sport, “Preistombola” sempre nel centro storico, “Gli Straccioni” carnevale in piazza Celestino V, “BrindISernia” emozionante ed impressionante catena umana di fine anno e “Magnastoria”, apoteosi collettiva attraverso una tavolata da record di 830 metri che ha conosciuto risonanza internazionale ed uma partecipazione collettiva senza precedenti, curriculum breve ed intenso, interrotto, come Lei sempre ben sa, solo per l’avvento della pandemia. Gentile sindaco, non avrebbe senso continuare a tessere le lodi di “Preistoris” proprio a Lei che ha seguito passo passo il nostro cammino e che in più occasioni ha avuto modo di elogiare quanto prodotto nel breve tempo, proprio per questo evitiamo di dilungarci e passiamo direttamente ai motivi di questa nota, gli stessi già anticipati e che tendono all’ottenimento di uno spazio adeguato, quello da noi individuato quale l’ex centro termale dell’”Acqua Zolfa”, congruo spazio per continuare a mettere a punto altre interessanti iniziative e per ridare vigore a un luogo molto caro a tutti gli isernini. Senza nulla togliere ad altri sodalizi, per i motivi fin qui esposti e per quanto nella Sua conoscenza e non ricordato in questa sede, ufficialmente chiediamo che venga assegnato a “Preistoris” quanto in oggetto. Sicuri dell’accoglimento della presente, porgiamo distinti saluti.”

 

Potrebbe interessanti anche:

Montenero come Miami Beach: alberghi, ristoranti, ville per 3 miliardi di euro

4 alberghi, 200 ristoranti, 18 lidi e grattacieli da 25 piani. La costa di Montenero di Bi…