La variante brasiliana è presente anche in Molise. E’ quanto emerso dalle analisi effettuate nel Laboratorio di Biologia molecolare dell’Ospedale Cardarelli di Campobasso, su campioni prelevati lo scorso 18 marzo. “E’ stato utilizzato il sequenziatore, di recente installato che – ha spiegato il direttore Generale dell’Asrem Oreste Florenzano –  ha permesso di individuare tre casi di variante brasiliana nel venafrano in persone appartenenti allo stesso nucleo familiare”. Analisi che inoltre hanno confermato l’incidenza di quella inglese, che ormai circola da tempo. Tutto questo è contenuto in una relazione inviata all’Azienda Sanitaria Regionale. La situazione è ora  monitorata e studiata, come confermato anche dal Governatore Toma. Lo stesso Florenzano ha colto l’occasione per evidenziare, ancora una volta, la necessità che tutti utilizzino sempre i dispositivi di protezione e rispettino le regole del distanziamento, a maggior ragione adesso per la presenza di queste varianti che si caratterizzano per essere più aggressive.

Intanto il bollettino dell’Asrem sulla situazione Covid in Molise riporta ancora 2 vittime, purtroppo. Si tratta di due campobassani: un uomo di 59 anni e una donna di 69anni, entrambi ricoverati in Terapia Intensiva al Cardarelli.  Età dei deceduti che si è abbassata. Dall’inizio della pandemia i morti per Coronavirus sono 436.

Sono 15 nuovi positivi, ma su un numero più basso di tamponi processati nelle ultime ore: 154. Tre i casi di Termoli e Isernia e ancora 2 di Limosano. Nei restanti comuni interessati (Campomarino, Cercemaggiore, Fossalto, Jelsi, San Martino in Pensilis, Santa Croce di Magliano e Venafro) un solo contagiato. Le persone guarite nelle ultime ore sono 57.

Quattro i nuovi ricoveri, tutti all’ospedale di Campobasso: 1 in Rianimazione e 3 in Malattie Infettive, reparto da cui, però, si registrano anche 2 dimessi.

Al Cardarelli ci sono 74 pazienti in cura per Covid, di cui 9 in Terapia Intensiva e 65 agli Infettivi. 4 i ricoverati al San Timoteo di Termoli, 3 al Gemelli Molise e 6 al Neuromed. In tutto gli ospedalizzati in Molise sono 87, dunque in leggero calo ancora. Gli attualmente positivi nella nostra regione sono 1004.

Da domani, con lo stop alla zona rossa a Termoli, Agnone, Jelsi e Toro, tutto il Molise è in zona arancione.

Sul fronte vaccini, come si legge nel report dell’Asrem, le dosi somministrate rispetto a quelle consegnate sono il 91,06%. Percentuale che pone il Molise nella parte alta della classifica nazionale e in cima per prime dosi somministrate, al 13,49% rispetto agli abitanti. Le seconde al 6,25%. Su 65.505 dosi consegnate ne sono state somministrate 59.648.

Potrebbe interessanti anche:

Sanità: accolto ricorso Gemelli Molise, sospesa efficacia decreto Toma

Il Tar Molise ha sospeso l’efficacia del decreto commissariale e di tutti gli atti c…