La tempesta e le reazioni politiche scatenate dalle dimissioni di Giustini non si placano, anzi aumentano man mano che si avvicina l’appuntamento con il consiglio regionale di martedì, lì dove era prevista la discussione di due mozioni. La prima presentata dalla maggioranza che sostiene Toma e che chiedeva la rimozione di Giustini, la seconda di Iorio, Romagnuolo e Calenda che voleva la rimozione dell’intera dirigenza Asrem e non solo del generale. Ora, con le dimissioni di Giustini, la mozione della maggioranza decade naturalmente, ma Iorio non vuole che venga per questo impedita la discussione della sua mozione e come conseguenza minaccia la presentazione di una mozione di sfiducia a Toma.

Potrebbe interessanti anche:

Inclusione, iniziativa Associazione persone down e Dynamo Camp a Campobasso

L’inclusione rende il mondo più colorato e un mondo colorato è più bello. Un concett…