Con sentenza numero 80/2021 di ieri 3 marzo, comunicata in data odierna, il Tar Molise ha accolto il ricorso dei 16 comuni del basso Molise e annullato tutti gli atti con cui la struttura commissariale e la Asrem avevano disposto la chiusura del Punto Nascite dell’Ospedale San Timoteo di Termoli.
I ricorrenti sono stati assistiti dagli avvocati Vincenzo Iacovino, Massimo Romano, Vincenzo Fiorini e Silvio Di Lalla.

 “Vince la volontà del popolo, ora la parola alla politica se esiste ancora nel Molise”, questo il commento degli avvocati Iacovino e Romano.
“Di fronte allo sfacelo irresponsabile delle scelte sanitarie passate e presenti, possiamo almeno confidare – continua Romano – nelle sentenze amministrative, come quella esemplare del Tar Molise. Un faro da seguire e soprattutto un ammonimento che nessuno può fingere di non sentire, a partire da chi ha gestito e gestisce la politica sanitaria di questa Regione”. I legali domani terranno una conferenza stampa sulla vicenda.

I legali terranno una conferenza stampa per la giornata di domani.

Entusiasmo espresso dalle tante mamme che avevano intrapreso questa battaglia. Molto di loro sono assistite dall’avvocato Laura Venittelli.
“Una grandissima notizia: ce l’ abbiamo fatta. Per ora – ha scritto Laura Venittelli – il punto nascita è salvo! Grazie a tutti quelli che si sono battuti per questo grande risultato . Grazie ai medici ed alle donne che mi hanno affidato l’ incarico professionale per questa battaglia. Grazie all’avvocato Roberto Gianmaria che, con il gruppo della ” casa dei diritti” ha sostenuto questa importante battaglia. Grazie ad Enzo, Vincenzo e Massimo! Nessuno tocchi il punto nascita!
Nessuno tocchi l’Ospedale San Timoteo! Continueremo, se darà necessario, la ns battaglia !”

Potrebbe interessanti anche:

Sanità, sulle partite iva scede in campo la Fials: “Intervenga il Parlamento”, chiede il sindacato

Il tema delle assunzioni rappresenta la questione centrale del sistema sanitario regionale…