Home Cultura San Giuseppe a Termoli – 18 marzo
Cultura - Evidenza - Travel - 1 Marzo 2021

San Giuseppe a Termoli – 18 marzo

Aspettando la festa...

di LIA MONTEREALE

Il 18 marzo di ogni anno Termoli celebra la festa di San Giuseppe e per l’occasione vengono allestiti i tradizionali altari detti “vetäre”. Sono le famiglie ospitanti, con il supporto degli altri membri della comunità che allestiscono gli altari e le tavole di San Giuseppe.
L’altare, generalmente, è formato alla base da due o tre gradini su cui vengono disposti addobbi, fiori, piante, ceri e anche diversi oggetti simbolici tra cui i riferimenti al mestiere di falegname di San Giuseppe, piccole statue, immagini della Sacra Famiglia e altri santi.
Ma come è stata introdotta la festa di San Giuseppe in questo antico borgo di pescatori? L’introduzione dell’usanza viene attribuita a Concetta Barone, originaria di San Martino in Pensilis, la quale, talmente devota al Santo, decise di trasferire la tradizione della sua famiglia d’origine a Termoli, divenuta nel frattempo la sua nuova residenza.
Il rapporto tra la figura di Giuseppe e il cibo è molto stretto. Il cibo è nutrimento e aiuto per i più bisognosi, bambini o poveri, e dunque, in occasione della sua ricorrenza, si allestiscono grandi tavole ricche di piatti variegati e pietanze tradizionali.
Le portate previste generalmente variano da 13 a 19. Le famiglie fanno a gara per realizzare le composizioni culinarie più belle e gustose a base di verdure, frutta e legumi, ma anche piatti a base di pesce, uova, olio e vino. Non mancano i dolci, tra cui ‘a puppattellee ‘u cavallucce, dolci a forma di bambola per le femminucce e di cavallo per i maschietti.
La festa di San Giuseppe è un momento di aggregazione sociale davvero importante per la comunità che per l’occasione diventa parte attiva nell’organizzazione di questa festa e nella condivisione del pranzo.
La tradizione delle tavole di San Giuseppe, oltre a Termoli, è diffusa anche in altre località del Molise. Festeggiare San Giuseppe, portatore di abbondanza e nutrimento dopo la lunga sospensione invernale, significa celebrare il risveglio della natura e ci si prepara ad accogliere il tanto atteso periodo primaverile.

Per maggiori informazioni visita il sito web dell’Istituto centrale per il patrimonio immateriale e del comune di Termoli

Potrebbe interessanti anche:

Montenero come Miami Beach: alberghi, ristoranti, ville per 3 miliardi di euro

4 alberghi, 200 ristoranti, 18 lidi e grattacieli da 25 piani. La costa di Montenero di Bi…