Il bollettino con i dati Covid diffuso dall’Asrem riporta 224 tamponi refertati, numero di molto inferiore ai giorni precedenti. 41 comunque i nuovi contagiati e tasso di positività che schizza al 18,3%. A livello nazionale è al 6,8%, dove crescono i ricoveri con sintomi gravi.
In Molise dunque i 41 nuovi positivi sono in 13 comuni. Di Termoli il numero più alto: 14 casi, 8 di Santa Croce di Magliano, 6 di Campobasso. Poi numeri inferiori.
Il primo giorno di Marzo segna il ritorno in Zona Rossa della nostra regione per due settimane con le ormai note restrizioni in attesa di quanto verrà deciso con l’imminente Dpcm del Premier Draghi, in vigore dal 6 Marzo. La variante inglese circola sul nostro territorio, come confermato da Toma e sulla base delle analisi effettuate dall’istituto zooprofilattico Abruzzo e Molise. Ad Agnone e in Alto Molise, anche lì, è stata causa dell’impennata di contagi.
Purtroppo si registra, nelle ultime ore, ancora una vittima con Covid, la 352esima da inizio pandemia: un uomo di 71 anni di Santa Croce di Magliano che era in Malattie Infettive, 3 i trasferimenti dal reparto: due portati in rianimazione al Cardarelli e uno in terapia intensiva al Neuromed. 10 i ricoveri: 1 in subintensiva al Neuromed, 5 nell’area grigia del San Timoteo a Termoli e 4 in Malattie infettive a Campobasso. Nessun dimesso. Continua a salire il numero di pazienti in cura nelle strutture ospedaliere. Sono 78 al Cardarelli, di cui 64 in Malattie Infettivee 14 in Rianimazione. 18 i ricoverati al San Timoteo, 10 al Gemelli Molise e 10 al Neuromed, di cui 5 in Terapia Intensiva e 5 in subintensiva. In tutto sono 116 le persone con Covid ospedalizzate.
I nuovi guariti sono 80 di cui 18 di Termoli, 10 di Santa Croce di Magliano e 11 di Campomarino. Gli attualmente positivi sono 1768.
Il Comitato tecnico scientifico, a livello nazionale, raccomanda la didattica a distanza per tutte le scuole, di ogni ordine e grado, in zona rossa o dove si sia superata una certa soglia di contagi. In Molise sono diversi i sindaci che hanno disposto la sospensione della didattica in presenza per tutti gli istituti di ogni ordine e grado. Toma è orientato comunque lasciare ai singoli sindaci la facoltà di decidere sul punto.  A Campobasso e Termoli già decisa la didattica a distanza per tutti anche la settimana prossima, a Isernia fino al 14 marzo.

Potrebbe interessanti anche:

Truffe anziani, a Campobasso 87enne presa ancora di mira dopo tre anni

Anziani presi di mira dai truffatori a Campobasso, dove sono sempre più frequenti i raggir…