E’ arrivata sul tavolo del Commissario ad Acta per la Sanità, Angelo Giustini, e su quelli dei vertici regionali, la relazione degli ispettori ministeriali che, per conto del Ministero della Salute hanno proceduto al controllo degli ospedali molisani lo scorso 27 e 28 gennaio. Tema dell’ispezione, la gestione complessiva della pandemia da Covid 19.

Due sono i dati principali che emergono dalla relazione dei tecnici del Ministro speranza: la prima riguarda l’idoneità organizzativa dell’ospedale Cardarelli di Campobasso per quanto riguarda i percorsi ospedalieri, ritenuti idonei al trasporto dei pazienti, e la separazione dei blocchi operatori tra sale Covid e no Covid, ritenuta efficace. L’altro elemento, probabilmente di maggiore importanza visto le discussioni che si sono protratte per mesi, è la bocciatura dell’ipotesi Centro covid presso l’ex ospedale Vietri di Larino: “Struttura inidonea alla riconversione parziale o totale in ospedale Covid per la mancanza di requisiti essenziali” scrivono, testuali parole, gli ispettori. Alla relazione dei tecnici ha fatto seguito il commento del presidente della Regione Toma.

Il Commissario ad acta Giustini aspetta di leggere la relazione prima di commenatrla ma dalle sue dichiarazioni è chiaro che l’ipotesi centro covid a Larino come formulata in prima battuta, ovvero come ospedale specializzato nella cura e nel trattamento del coronavirus, è ormai tramontata. Larino, dice, servirà solo per pazienti con lievi sintomi o per le terapie post covid.

Potrebbe interessanti anche:

Covid: 27 nuovi positivi e 19 guariti. al via prenotazioni terze dosi per chi ha da 18 anni in su

Sono 917 i tamponi refertati, da cui sono emersi 27 nuovi positivi. Torna a salire il nume…