"A circa un anno dalla pandemia - scrive - la situazione sull'emergenza da Covid 19 e sulla gestione sanitaria in Molise è ormai diventata al tempo stesso grottesca per la politica e drammatica per i cittadini. Tutto ciò che si doveva e poteva fare non è stato fatto, mentre ciò che si doveva assolutamente evitare è tragicamente accaduto. In quest’anno si sarebbe dovuto preparare ed organizzare la sanità molisana per evitare la saturazione delle terapie intensive aumentandone adeguatamente il numero, si sarebbe dovuto creare subito un Centro Covid per evitare il collasso degli ospedali, si sarebbe dovuto fare un corretto, tempestivo e preciso screening dei contagi, nonchè eseguire tamponi a tappeto ai cittadini. Tutto questo si poteva e si doveva fare in una piccola regione, inizialmente risparmiata dal virus, con meno di 300 mila abitanti ed con un numero adeguato di strutture sanitarie pubbliche e private". "Invece - continua Valente, che è anche sindaco di Vinchiaturo - abbiamo assistito ad un anno di litigi, di posizionamenti politici per fare a gara a chi fosse il più “figo” e di continue rassicurazioni ingiustificate e poco credibili ai cittadini, mentre ai sindaci che chiedevano di essere coinvolti, perchè preoccupati per le proprie comunità, veniva intimato di non fare polemiche e rassicurati che tutto andava benissimo. Un anno in cui abbiamo assistito a continui ripensamenti, contraddizioni, lotte personali, accuse reciproche e rimpalli di responsabilità tanto che, ormai, non si capisce nemmeno chi tra costoro farebbe bene a rassegnare le propr La palese inadeguatezza della classe politica e dirigente di gestire l’emergenza non sarà dimenticata dai molisani. Un anno di Covid in Molise: per Luigi Valente di Azione ciò che si poteva e doveva fare non si è fatto. “ Coloro che dovevano lavorare in sinergia per il benessere dei molisani, hanno gareggiato a delegittimarsi a vicenda, provocando un disastro sanitario evitabile”. A circa un anno dalla pandemia la situazione sull'emergenza da Covid 19 e sulla gestione sanitaria in Molise è ormai diventata al tempo stesso grottesca per la politica e drammatica per i cittadini. Tutto ciò che si doveva e poteva fare non è stato fatto, mentre ciò che si doveva assolutamente evitare è tragicamente accaduto. In quest’anno si sarebbe dovuto preparare ed organizzare la sanità molisana per evitare la saturazione delle terapie intensive au La palese inadeguatezza della classe politica e dirigente di gestire l’emergenza non sarà dimenticata dai molisani. Un anno di Covid in Molise: per Luigi Valente di Azione ciò che si poteva e doveva fare non si è fatto. “ Coloro che dovevano lavorare in sinergia per il benessere dei molisani, hanno gareggiato a delegittimarsi a vicenda, provocando un disastro sanitario evitabile”. A circa un anno dalla pandemia la situazione sull'emergenza da Covid 19 e sulla gestione sanitaria in Molise è ormai diventata al tempo stesso grottesca per la politica e drammatica per i cittadini. Tutto ciò che si doveva e poteva fare non è stato fatto, mentre ciò che si doveva assolutamente evitare è tragicamente accaduto. In quest’anno si sarebbe dovuto preparare ed organizzare la sanità molisana per evitare la saturazione delle terapie intensive aumentandone adeguatamente il numero, si sarebbe dovuto creare subito un Centro Covid per evitare il collasso degli ospedali, si sarebbe dovuto fare un corretto, tempestivo e preciso screening dei contagi, nonchè eseguire tamponi a tappeto ai cittadini. Tutto questo si poteva e si doveva fare in una piccola regione, inizialmente risparmiata dal virus, con meno di 300 mila abitanti ed con un numero adeguato di strutture sanitarie pubbliche e private. Invece abbiamo assistito ad un anno di litigi, di posizionamenti politici per fare a gara a chi fosse il più “figo” e di continue rassicurazioni ingiustificate e poco credibili ai cittadini, mentre ai sindaci che chiedevano di essere coinvolti, perchè preoccupati per le proprie comunità, veniva intimato di non fare polemiche e rassicurati che tutto andava benissimo. Un anno in cui abbiamo assistito a continui ripensamenti, contraddizioni, lotte personali, accuse reciproche e rimpalli di responsabilità tanto che, ormai, non si capisce nemmeno chi tra costoro farebbe bene a rassegnare le proprie dimissioni. In tutto questo mai delle scuse, mai una minima ammissione di responsabilità che, se non altro, avrebbe reso più umano questo disastro organizzativo e sanitario che non si è stati in grado di evitare, malgrado la presenza in questa nostra regione di un Commissario alla Sanità e di un Sub Commissario, oltre al Direttore Generale, Direttore Sanitario e Presidente di Regione. Personalità e ruoli di rilievo che non hanno gareggiato a stimarsi a vicenda, lavorando in sinergia per il benessere dei molisani, ma si sono colpiti e contrastati in un continuo tentativo di delegittimarsi a vicenda, circondati dal silenzio assordante ed omissivo dei consiglieri regionali di maggioranza. Anche l’inizio della somministrazione dei vaccini non è iniziata con la tempistica e con le modalità ottimali ed è assolutamente necessario vaccinare al più presto i molisani; si può ancora correggere il tiro e rimediare, ma ciò presuppone consapevolezza degli errori commessi iniziando ad operare scelte finalmente oculate e risolutive e cercando ogni sinergia e collaborazione nell’interesse dei cittadini. Ad un anno dall’inizio della pandemia i molisani hanno certamente compreso che è necessario cambiare questa classe politica e, alla luce dei tragici eventi, non lo
Home Attualità Valente (Azione): “Gestione Covid, non si è fatto quel che si poteva e doveva”
Attualità - Evidenza - Politica - Regione - 23 Febbraio 2021

Valente (Azione): “Gestione Covid, non si è fatto quel che si poteva e doveva”

Il Coordinatore regionale di Azione, Luigi Valente, interviene con una lunga riflessione sulla gestione dell’emergenza Covid in Molise.

“A circa un anno dalla pandemia – scrive Valente – la situazione sull’emergenza da Covid 19 e sulla gestione sanitaria in Molise è ormai diventata al tempo stesso grottesca per la politica e drammatica per i cittadini. Tutto ciò che si doveva e poteva fare non è stato fatto, mentre ciò che si doveva assolutamente evitare è tragicamente accaduto. In quest’anno si sarebbe dovuto preparare ed organizzare la sanità molisana per evitare la saturazione delle terapie intensive aumentandone adeguatamente il numero, si sarebbe dovuto creare subito un Centro Covid per evitare il collasso degli ospedali, si sarebbe dovuto fare un corretto, tempestivo e preciso screening dei contagi, nonchè eseguire tamponi a tappeto ai cittadini. Tutto questo si poteva e si doveva fare in una piccola regione, inizialmente risparmiata dal virus, con meno di 300 mila abitanti ed con un numero adeguato di strutture sanitarie pubbliche e private”.

“Invece – continua Luigi Valente, che è anche sindaco di Vinchiaturo – abbiamo assistito ad un anno di litigi, di posizionamenti politici per fare a gara a chi fosse il più “figo” e di continue rassicurazioni ingiustificate e poco credibili ai cittadini, mentre ai sindaci che chiedevano di essere coinvolti, perchè preoccupati per le proprie comunità, veniva intimato di non fare polemiche e rassicurati che tutto andava benissimo. Un anno in cui abbiamo assistito a continui ripensamenti, contraddizioni, lotte personali, accuse reciproche e rimpalli di responsabilità tanto che, ormai, non si capisce nemmeno chi tra costoro farebbe bene a rassegnare le proprie dimissioni”.

In tutto questo – scrive ancora Luigi Valente – mai delle scuse, mai una minima ammissione di responsabilità che, se non altro, avrebbe reso più umano questo disastro organizzativo e sanitario che non si è stati in grado di evitare, malgrado la presenza in questa nostra regione di un Commissario alla Sanità e di un Sub Commissario, oltre al Direttore Generale, Direttore Sanitario e Presidente di Regione. Personalità e ruoli di rilievo che non hanno gareggiato a stimarsi a vicenda, lavorando in sinergia per il benessere dei molisani, ma si sono colpiti e contrastati in un continuo tentativo di delegittimarsi a vicenda, circondati dal silenzio assordante ed omissivo dei consiglieri regionali di maggioranza”.

“Anche l’inizio della somministrazione dei vaccini – conclude il Coordinatore regionale di Azione – non è iniziata con la tempistica e con le modalità ottimali ed è assolutamente necessario vaccinare al più presto i molisani; si può ancora correggere il tiro e rimediare, ma ciò presuppone consapevolezza degli errori commessi iniziando ad operare scelte finalmente oculate e risolutive e cercando ogni sinergia e collaborazione nell’interesse dei cittadini. Ad un anno dall’inizio della pandemia i molisani hanno certamente compreso che è necessario cambiare questa classe politica e, alla luce dei tragici eventi, non lo dimenticheranno più”.

Potrebbe interessanti anche:

Covid: 120 nuovi positivi, 3 decessi e 42 guariti. Il virus circola in tutta la regione

Ancora un’impennata di contagi in Molise. Sono 120 i nuovi positivi nelle ultime ore a fro…