Home Apertura Covid, Toma riferisce in Consiglio regionale: chiesta al commissario Giustini la vaccinazione per le persone disabili
Apertura - Attualità - Evidenza - 23 Febbraio 2021

Covid, Toma riferisce in Consiglio regionale: chiesta al commissario Giustini la vaccinazione per le persone disabili

Consiglio regionale in riunione oggi con una doppia seduta. I lavori della mattinata sono stati interamente dedicati ad una lunga informativa del Presidente della Regione Donato Toma sulla gestione dell’emergenza Covid in Molise.

Vaccini, posti letto di terapia sub intensiva e intensiva, ospedale da campo a Termoli, Vietri, passaggio in zona arancione del Molise, monitoraggio, ampliamento della zona rossa in basso Molise, bando per il nuovo personale. Toma ha toccato tutti i punti caldi del momento.

Sul fronte vaccinale, Toma ha comunicato la richiesta formulata al Commissario Giustini di procedere alla vaccinazione delle persone disabili.

Sul tema dei letti, Toma ha chiarito la quantificazione dei posti di Terapia Intensiva che nelle scorse settimane era stata oggetto di polemiche e dubbi. Sono 39, complessivamente, tra quelli presenti negli ospedali pubblici e quelli resi disponibili dai privati. Quelli allocati presso il Cardarelli sono dodici. Dati, ha precisato, forniti ufficialmente dalla struttura commissariale. In ogni caso, ha detto il governatore, in caso di saturazione delle unità disponibili è possibile attivare la cross, il meccanismo di trasferimento in altre regioni. Alla necessità per i posti in sub intensiva, si è fatto fronte – ha detto – con le unità attivate presso l’ospedale Gemelli, presso cui sono ricoverati al momento 16 persone su un totale di 20 posti disponibili, estensibili a 54.

Sull’ospedale da Campo a Termoli, i lavori sono partiti oggi e verranno completati nell’arco di poche ore. 24 posti destinati ad alleggerire la pressione sul San Timoteo. Intanto vanno avanti anche i sopralluoghi al Vietri per ulteriori posti di terapia sub intensiva.

Sul passaggio in zona Arancione, Toma ha riferito dell’interlocuzione avuta col ministro Speranza e con la comune condivisione delle valutazioni effettuate dai tecnici sul peggioramento degli indici e la trasformazione del territorio regionale da giallo ad arancione. Per la zona Rossa, il governatore ha dato conto dell’ampliamento anche ai 5 comuni che erano rimasti fuori dall’area afferente al distretto termolese. Ad oggi, quindi, tutto il basso Molise è zona rossa.

Sul fronte del personale necessario per le strutture sanitarie, Toma ha comunicato la chiusura del bando emanato attraverso la protezione civile per il reperimento di 63 unità tra medici, infermieri e operatori socio sanitari.

Sulle dichiarazioni fatte da Toma va registrato lo scetticismo e il malcontento delle opposizioni, espresso ai nostri microfoni dal consigliere regionale e segretario del PD, Vittorino Facciolla.

Potrebbe interessanti anche:

Covid, strage senza fine: ancora tre vittime. Situazione drammatica sul fronte dei ricoveri: altri 18

Ormai i decessi sono diventati una terribile e drammatica costante da settimane, in Molise…