Home Attualità Appalto ”misterioso” a Isernia, il Pcl pretende la verità
Attualità - Evidenza - Isernia - Politica - 23 Febbraio 2021

Appalto ”misterioso” a Isernia, il Pcl pretende la verità

Tiziano Di Clemente, coordinatore regionale del Partito Comunista dei Lavoratori, interviene sulla singolare vicenda dell’appalto ”a insaputa” dell’amministrazione comunale affermando:

“Il Comune di Isernia, che vede il partito di “Fratelli D’Italia” come dominus, non manca mai di colpi di scena: viene indetta, senza la previa deliberazione consiliare, la gara per la ennesima privatizzazione del servizio di igiene urbana, base d’asta di 12 milioni 562 mila 200 euro (oltre IVA) in cinque anni, ma sindaco e assessori dicono di non saperne nulla.
Scoperto il misfatto si corre ai “ripari” proponendo revoche per “mancanza di copertura finanziaria”; ma in realtà la copertura risiede nel ruolo TARI; anche la delibera della giunta di destra del 2008, che portò da 258 mila euro a circa 4 milioni di euro il compenso del progettista del “lotto zero” era senza parere di copertura finanziaria, ma è andata avanti lo stesso e non fu mai annullata.
In realtà, in questa vicenda tanto oscura quanto grottesca, si finge di ignorare la questione ben più grave, che è quella democratica e sociale.
La violazione gravissima di elementari principi democratici, essendo stata calpestata persino la previa e pubblica discussione/deliberazione consiliare circa l’appalto, gli schemi di gara e di contratto, prescritta dallo stesso art.42 TUEL lettere e) e lettera l) del TUEL.
Non solo: gli atti “del progetto di servizio” sono fatti propri dal dirigente comunale ma promanano dal’esterno, cioè da una società privata anch’essa pagata con i fondi comunali (v. determina 41/2021).
Ecco perché denunciamo la finta “democrazia” e la natura di classe delle istituzioni dominanti: formalmente gli atti sono adottati dall’amministrazione “eletta dal popolo” , ma il loro contenuto è di fatto determinato dai ristretti ambiti del capitale privato attraverso i suoi partiti e le sue giunte.
Insomma, non solo nessuna discussione consiliare pubblica, ma soprattutto nessuna forma di partecipazione popolare rispetto ad un servizio essenziale come quello della gestione del servizio di igiene urbana.
Del resto l’assenza di democrazia e la privatizzazione del servizio pubblico essenziale si aiutano a vicenda.
Noi continueremo a batterci per rovesciare questo paradigma antidemocratico ed antisociale, a Isernia come altrove, perché i servizi essenziali siano a gestione pubblica e democraticamente controllata, funzionali alle esigenze della popolazione e non decisi e subordinati dagli interessi del profitto privato”.

 

 

 

Potrebbe interessanti anche:

Covid: 120 nuovi positivi, 3 decessi e 42 guariti. Il virus circola in tutta la regione

Ancora un’impennata di contagi in Molise. Sono 120 i nuovi positivi nelle ultime ore a fro…