Isernia, temperatura pre elettorale già caldissima, tra poco si vota per il nuovo sindaco e partiti e candidati si stanno già attrezzando. Il Centrosinistra sta puntando ad una riedizione del Ponte, trent’anni dopo, ovvero un’alleanza tra partiti e movimenti civici, con un solo candidato sindaco, mentre il Centrodestra ha scelto la sera di sabato per il suo primo conclave tra tutti i partiti, organizzato da Annaelsa Tartaglione, coordinatrice Forzista regionale.

Un Centrodestra chiamato a sciogliere parecchi nodi, tra cui quello della posizione della stessa Forza Italia, divisa al Comune tra chi sta in maggioranza, come Isernia Migliore, e chi è rimasto all’opposizione, come Raimondo Fabrizio. Stesso discorso per i Popolari di Gianni Fantozzi, alla Regione in giunta, con Vincenzo Niro, e a Palazzo San Francesco in minoranza e in durissima contrapposizione con d’Apollonio e la maggioranza del Centrodestra. Tanto che proprio Gianni Fantozzi, con  Rita Paola Formichelli, ha presentato un esposto alla Corte dei Conti contestando la nomina – a caro prezzo, pare circa diecimila euro – di un legale esterno al Comune, per un parere sulla contestata vicenda dei parcheggi a pagamento. Nel loro esposto Fantozzi e Formichelli scrivono che:

“il Comune è dotato di un ufficio legale e l’avvocato aveva già fornito i dovuti pareri;

inoltre, con delibera di Giunta del 2019 Caterina Zacchia, avvocato, veniva preposta al settore Tecnico e le veniva affidato l’incarico di “supporto giuridico amministrativo al Dirigente”;

È evidente, quindi, affermano Fantozzi e Formichelli, l’assoluta illegittimità dell’incarico conferito a un legale esterno, in quanto il Segretario Comunale, invece di procedere con il supporto dei legali interni, ha ritenuto di dover arbitrariamente conferire un incarico esterno per “leggere” atti e delibere e per poi fornire un parere su cosa non è dato comprendere. Trattasi, inoltre, d’illegittimità anche sotto il profilo della procedura, chiosano i due, in quanto l’incarico è stato conferito su base fiduciaria, senza neanche interpellare l’avvocato Zacchia, nè l’avvocato del Comune, Colesanti. Fantozzi e Formichelli chiudono, chiedendo se tale determina sia stata trasmessa alla Corte dei Conti, se fosse stato necessario acquisire il parere dei revisori e se la delibera in questione possa ritenersi legittima”.

Potrebbe interessanti anche:

Dopo due anni di stop dovuto alla pandemia, l’associazione Notti Mediterranee di Roccavivara presenta il programma delle iniziative 2022

Dopo due anni di stop dovuto alla pandemia, l’Associazione Notti Mediterranee di Roccaviva…