Sosta per le nazionali nel massimo campionato di futsal. Il torneo di A1 si ferma per un week end, si tornerà in campo sabato 6 febbraio. Una sosta all’Acqua e Sapone per recuperare energie mentali dopo il pareggio contro il Matera e la sconfitta contro i veneti della Came Dosson. Due battute d’arresto, entrambe in casa, una leggera flessione per gli uomini di Scarpitti assolutamente giustificabile. I pescaresi, con una gara da recuperare, sono al comando della classifica con +1 sul Pesaro.

Settimana di lavoro e di scarico mentale per l’Acqua e Sapone in vista di un febbraio ricco di gare da giocare, precisamente cinque con due turni infrasettimanali previsti. Momento senza dubbio decisivo per la stagione, la lotta contro il Pesaro resterà serrata sino  al termine della regular season per decretare, poi, la prima in classifica in ottica play off.

La Chaminade

Nel torneo di Serie B, torna in campo la Chaminade Campobasso. Dopo due settimane di stop, per casi di positività al covid-19, la squadra rossoblu è attesa dalla trasferta in casa del Real Dem. A Montesilvano l’occasione per ripartire e provare a muovere la classifica. Nella gara d’andata gli abruzzesi s’imposero allo Sturzo con il finale di 4 a 2, ora ci sarà una Chaminade diversa in campo, con tanti giovani ed un nuovo allenatore. Mister Cavaliere deve fare i conti con uno stop agli allenamenti di oltre dieci giorni, la condizione non può essere delle migliori per i giovani di casa Chami. L’avversario a quota 15 punti, è in zona play off, con la prospettiva di poter lottare per le prime posizioni. Non sarà semplice per i campobassani, chiamati ad una crescita rapida. Bisogna lottare e fare esperienza in queste gare, per arrivare preparati al massimo ai match che saranno decisivi per ottenere la salvezza. Da stilare il calendario dei recuperi, con i rossoblu che dovranno recuperare ben sette gare.

Potrebbe interessanti anche:

Calcio, Lega Pro, Campobasso alla ricerca del successo che manca da due mesi. Cudini squalificato per un turno

Campobasso con l’obbligo di reagire rispetto alla crisi di risultati. A preoccupare non è …