Home Attualità Ispettori in Molise per controllare situazione sanitaria, Iorio: “Fiducia o disperazione?”
Attualità - Evidenza - Politica - Regione - 27 Gennaio 2021

Ispettori in Molise per controllare situazione sanitaria, Iorio: “Fiducia o disperazione?”

“Spero – ha commentato l’ex Governatore Iorio – che l’arrivo degli ispettori inviati dal Ministero della Salute non sia solo un aspetto formale viste le ultime denunce sulla situazione sanitaria regionale”.
“Da molisano – ha continuato – mi aspetto che ci sia una verifica de visu della condizione di disagio che vive il personale medico e paramedico dell’ospedale Cardarelli di Campobasso che ormai di centro Covid “misto” non ha più nulla visti i contagi nei reparti di medicina, chirurgia e la chiusura delle urgenze tempo dipendenti a causa dell’assenza di posti letto nel reparto di terapia intensiva ormai tutta Covid. Mi aspetto i che si facciano anche un quadro completo dello stesso reparto di malattie infettive nel quale i pazienti non hanno neppure campanelli funzionanti nel caso avessero bisogno di qualcosa”.

“Mi auguro – ha detto il consigliere regionale – che proprio gli ispettori si rechino al Vietri di Larino per vedere con i propri occhi e toccare con mano il grande disastro combinato in Molise con lo scellerato rifiuto di rendere quello stabile centro Covid dedicato. Un rifiuto di cui non si comprendono, ancora oggi, le vere ragioni”.
“Mi auguro – ha continuato Michele Iorio – che ognuno di loro guardi la situazione sanitaria molisana anche con gli occhi di un semplice cittadino che vive qui in Molise, che si sente perso e abbandonato dalle istituzioni regionali e nazionali. Perché – ha concluso – la guerra al Covid, la programmazione del piano di battaglia, non ha e non dovrebbe avere un colore politico. Dovrebbe invece essere guidata da quel buon senso che, da un anno a questa parte, pare si sia perso. A Roma come a Campobasso”.

Potrebbe interessanti anche:

Campomarino: salta il tampone per mancanza di personale Asrem, cittadini esasperati

Tra i paesi più colpiti dalla variante inglese c’è Campomarino, che finora ha pagato…