Dura presa di posizione del direttore della Cia Molise, Donato Campolieti, nei confronti della Regione che avrebbe abbandonato il settore al proprio destino in questo momento così difficile, caratterizzato dall’emergenza Covid. “Non sono passati neppure due mesi dall’ultimo appello che la Cia  ha lanciato alla Regione per scuotere la politica ad attivarsi nei confronti di un comparto, quello agricolo, penalizzato dalle misure di contenimento della diffusone del virus Covid-19 – ha denunciato Campolieti –  Quello che il comparto agricolo chiede ormai da diverso tempo è un’attenzione, mirata ai bisogni del settore, fino ad oggi riservato solo ed esclusivamente ad altre categorie economiche. Promesse dietro promesse quelle della Regione comunica. L’agricoltura, che piaccia o meno – ha aggiunto –  – è il settore trainante dell’economia regionale e il Molise, come confermano dati e documenti pubblici, è una regione a vocazione agricola e le lotte intestine di una politica spesso sorda e cieca non fanno che danneggiare la condizione già precaria di quei settori, come l’agricoltura, che hanno bisogno di certezze. Nell’ultima call di ottobre con il governatore, nella quale lo stesso presidente aveva promesso di attivare canali istituzionali di accesso al credito per gli agricoltori, la Cia Molise aveva suggerito alla struttura regionale competente alcune proposte: fondo perduto per le aziende agricole che hanno garantito in maniera continuativa le attività con ripercussioni negative sul proprio fatturato ad esclusione dei settori previsti dalla Misura 21 del PSR; Accesso al Microcredito, attraverso l’agenzia regionale FinMolise, equiparandola alla misura precedentemente attivata a favore di altri settori produttivi e ultima opzione il fondo di garanzia da affidare ad ISMEA al fine di erogare mutui pluriennali a tasso agevolato con preammortamento. Proposte valide che non hanno trovato però alcun riscontro”. Come ben servito per gli agricoltori l’ennesima pubblicazione di nuovi bandi che supportano sempre le stesse categorie produttive, escludendo ancora una volta l’agricoltura. “Sembrerebbe, ma vorrei sbagliarmi – ha commentato Campolieti – che ci sia una mancata volontà da parte del Presidente della regione (non si capisce, però, quale possa esserne la ragione), di individuare e dare corso a strumenti di sostegno economico a beneficio dei tanti agricoltori molisani. Sarebbe per loro, un’attenzione meritata, al pari di tutti gli altri imprenditori molisani che hanno subito contraccolpi da questa drammatica pandemia. Quello che colpisce in tutta questa vicenda – ironizza il direttore della Cia Molise – è la stizzita assenza dell’assessore al ramo, che pare essere diventato afono in materia. La cosa certa – ha concluso  Campolieti – è che ancora una volta il bersaglio è il comparto agricolo lasciato allo sbando da politiche ottuse. Gli agricoltori hanno scarpe grosse e cervello fino e anche a distanza di anni ricorderanno gli affanni economici che vivono oggi ”.

Potrebbe interessanti anche:

Elezioni politiche, in Molise parte la sfida in rosa

Una sfida nella sfida, è quella che si appresta a vivere il Molise alle prossime elezioni …