Home Attualità L’ Unimol sceglie la piattaforma tecnologica CVing per il placement degli studenti
Attualità - Evidenza - 22 Gennaio 2021

L’ Unimol sceglie la piattaforma tecnologica CVing per il placement degli studenti

Il posizionamento dell’Università degli Studi del Molise si trasferisce sul web: una riformulazione originale, in chiave telematica, per continuare a garantire alla comunità studentesca, ai laureandi e ai laureati, opportunità, vantaggi e prospettive future, in attesa di poter ritornare, insieme, alla vita e alle attività universitarie di sempre. Da qui la scelta di UniMol di affidarsi alla piattaforma integrata di CVing, realtà italiana digitale. UniMol partecipa, infatti, a tutti i 14 appuntamenti della Digital Talent Week. Fino al 24 gennaio, in particolare, insieme ad altre 20 realtà universitarie ed aziendali nazionali e internazionali prende parte al 1°appuntamento della Digital Talent Week, dedicato alla GenZ, i giovani under 25, diplomati e neolaureati, in cerca di opportunità per l’avvio di una carriera e della propria crescita professionale. Attraverso una mappa digitale interattiva live, tutti i candidati che accederanno all’evento virtuale, registrandosi al link www.digitaltalentweek.com potranno muoversi all’interno dei 20 stand virtuali delle aziende presenti, scoprirne i profili aziendali e i contenuti di employer branding messi a disposizione, consultare le posizioni aperte, candidarsi e sostenere video colloqui di selezione in modalità esclusivamente on demand. Questa modalità permette ai candidati di registrare da remoto, tramite smartphone, pc o altro device, in qualsiasi momento e luogo, la propria video intervista online. La Digital Talent Week è un evento inclusivo, che grazie alla sua natura digitale, abbatte qualsiasi barriera spazio-temporale, promuovendo e ampliando le possibilità di reclutamento di ogni candidato a fronte delle diverse abilità.

Potrebbe interessanti anche:

Campomarino: salta il tampone per mancanza di personale Asrem, cittadini esasperati

Tra i paesi più colpiti dalla variante inglese c’è Campomarino, che finora ha pagato…