Un centro logistico da 800 posti di lavoro all’interno del Nucleo Industriale di Termoli. Il lotto di terreno da 25 ettari è già stato individuato e verrà tirato su un capannone con una superficie di 5mila metri quadrati. La sorprendente notizia arriva a pochi mesi dalla decisione di Amazon di scegliere l’Abruzzo al posto del Molise per il suo insediamento. Una scelta che aveva scatenato una serie di polemiche per la possibilità di sviluppo sfumata. Ora invece il neo presidente del Cosib in carica da due mesi, il sindaco di Petacciato Roberto Di Pardo, di professione imprenditore, sta per chiudere il contratto con una società su cui per ora c’è riserbo massimo, che per il Consorzio e per l’intero territorio rappresenta un’opportunità irripetibile. Entro fine mese già potrebbe essere firmato il preliminare.
Sulla polemica invece sollevata dal consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Valerio Fontana che ha presentato un esposto su presunte incompatibilità del nuovo consiglio di amministrazione del Consorzio Industriale, in quanto composto da membri che hanno già incarichi pubblici, Di Pardo ha risposto così: “Il Consorzio non ha partecipazioni pubbliche della Regione o dei Comuni, quindi non si applica per il Cosib la legge Severino, che tra l’altro esiste dal 2013. Se ne ricordano solo ora i consiglieri del Movimento 5 Stelle?”.

Potrebbe interessanti anche:

Sanità: accolto ricorso Gemelli Molise, sospesa efficacia decreto Toma

Il Tar Molise ha sospeso l’efficacia del decreto commissariale e di tutti gli atti c…