Home Cronaca Isernia, Gea Medica: dimesso il primo paziente riabilitato post covid-19
Cronaca - Evidenza - Isernia - 14 Gennaio 2021

Isernia, Gea Medica: dimesso il primo paziente riabilitato post covid-19

La voce è rotta dall’emozione ed è quella di Antonio, un uomo di 52 anni di San Giuliano di Puglia che oggi finalmente intravede la luce grazie al Team di medici e specialisti dell’Istituto Riabilitativo Gea Medica di Isernia, in un percorso difficile e doloroso che lo ha visto confrontarsi con il nemico più duro degli ultimi tempi, il corona Virus. La sua storia inizia a novembre quando Antonio, commerciante ambulante contrae il Virus: i primi sintomi, nessuna patologia pregressa ma la terapia intensiva al Cardarelli è inevitabile. Oltre 40 giorni con complicazioni respiratorie e fisiche. Poi il suo trasferimento a Termoli e infine la decisione dei familiari di ricoverare Antonio all’istituto Gea Medica di Isernia per un duro percorso riabilitativo.

Oggi Antonio è stato dimesso dal Centro di Riabilitazione del Capoluogo Pentro e potrà tornare lentamente alla sua vita, con speranza e messaggi di positività nonostante la lunga battaglia che ha combattuto con coraggio e determinazione.

Soddisfazione da parte dei medici che hanno preso in cura Antonio, creando per lui un percorso riabilitativo a 360 gradi. Il Dottor Marco Consiglio, fisiatra presso la Gea Medica appare emozionato quanto Antonio: “Quando Antonio è venuto da noi aveva un quadro clinico molto compromesso: non aveva deambulazione e capacità motoria, oltre a difficoltà respiratorie dovute alla polmonite bilaterale tipica del Corona Virus. Abbiamo portato avanti un progetto riabilitativo molto  intensivo, multidisciplinare e multidimensionale. Un lavoro importante che mirava al recupero muscolare e cardiovascolare. Compresa la chiusura della Tracheostomia a cui il Sig Antonio era stato stato sottoposto. Trattasi della prima dimissione di un paziente Covid”.

Per Antonio oggi ricomincia la vita …rientra  finalmente a casa da quando ha contratto il virus.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Il mercato delle vacche

Di Angelo Persichilli Credo sia stato Luca Goldoni a scrivere nel suo libro “Colgo l’occas…