Lanterne accese sono volate libere nel cielo di Scapoli, nella notte di Capodanno, in memoria delle vittime del Covid. Dopo il Te Deum, la suora del paese, Giuseppina Iadanza, e il parroco Don Francois Kayranga e molti fedeli, hanno compiuto il gesto simbolico con la prima lanterna che velocemente si è diretta verso le cime più alte delle Mainarde.

Da ogni angolo del paese un lungo applauso ha spezzato il silenzio e il freddo gelido dell’ultimo giorno dell’anno.

Gli scapolesi hanno pregato per chi non c’era più, per tutti coloro che sono stati portati via dalla pandemia: nonni, padri, madri.

Potrebbe interessanti anche:

Controlli dei Nas nelle case di riposo della regione: riscontrate 5 violazioni

In concomitanza con il periodo di Ferragosto, i Carabinieri del Nas d’intesa con il Minist…