di LIA MONTEREALE

Il nostro viaggio di oggi ci porta a Jelsi, comune in provincia di Campobasso. Quali sono le origini del nome? Probabilmente in passato il paese si chiamava “Tibiczan”, nome di origine bulgara.
Jelsi è famoso per la festa di Sant’Anna o festa del Grano. Era il 26 luglio 1805 e il Molise fu colpito da un terribile terremoto. Molti paesi furono distrutti, ma Jelsi subì pochi danni. Quello stesso giorno ricorreva la celebrazione di Sant’Anna e molti dissero che fu proprio la Santa a proteggerli. Fu così che con il passare del tempo la popolazione jelsese divenne sempre più devota e grata a Sant’Anna fino a celebrarla con l’offerta votiva del grano.
Il 26 luglio di ogni anno, da oltre 200 anni, Sant’Anna viene quindi festeggiata con sfilate di carri e opere in grano che vengono poi esposte presso il Museo dedicato.
E già, perché a Jelsi potete visitare il “MuFeG” Museo di Comunità della Festa del Grano, situato presso il Convento Santa Maria delle Grazie, che documenta, promuove e tramanda il profondo legame che la comunità Jelsese ha con la Festa del grano.
Il museo espone carri e opere di ogni tipo e forma (realizzati nelle precedenti edizioni della festa), tutti ottenuti utilizzando il grano nei suoi diversi elementi (spiga, chicco, foglia, ecc.). L’allestimento museale consente al visitatore di conoscere la storia della festa muovendosi all’interno del museo tra documenti, quadri, fotografie, video e soprattutto osservando i carri allegorici, realizzati in passato ed esposti lungo il percorso.

Per ulteriori informazioni visita: Comune di Jelsi

Potrebbe interessanti anche:

Tv locali, pubblicato il bando per investimenti in tecnologie innovative

Pubblicato il “Bando per all’erogazione di contributi alle imprese titolari di emittenti t…