La Giunta regionale con delibera 473 dello scorso 9 dicembre ha approvato l’Accordo di Programma Quadro ‘Area Interna Fortore’ che prevede interventi indispensabili per affrontare in maniera strutturata le nuove urgenze dovute alla crisi sanitaria, rafforzando la medicina territoriale con la figura degli infermieri di comunità, con i presidi per la non autosufficienza, con l’implementazione della rete di farmacie dell’area interna del Fortore e con l’attivazione di centri di accoglienza per donne vittime di violenza.
Si tratta di 32 progetti per un totale di 7.587.139,00 euro spalmati su tre annualità, fino al 2023.
“Oggi dico solo era ora!  – ha commentato Micaela Fanelli che de tempo chiedeva alla Regione la velocizzazione dell’iter – Insieme ai sindaci del Fortore ci abbiamo lavorato molto in passato. Ecco perché oggi il mio grazie va a tutti coloro che, con il loro impegno, hanno facilitato l’approdo. Non dimentichiamo poi che su Recovery fund ci sono ulteriori risorse per le Aree Interne. Nell’attuale bozza del Piano, così come già abbiamo avuto modo di affermare, la declinazione delle attività non ci convince, ma ci assicurano che stanno lavorando alle schede definitive – ha proseguito –  Per cui, speriamo che, oltre alle risorse europee e nazionali programmate, si aggiungano altri fondi. Ma soprattutto che, quella relativa alle aree interne, esca dall’essere una policy straordinaria e occasionale, per diventare una politica strutturale e capace di pervadere ogni scelta pubblica. Ora per l’Area Interna Fortore parte la fase II. Speriamo solo che gli step ulteriori, affinché tutto ciò possa essere realizzato nel concreto, siano più semplici e veloci”, ha concluso la Fanelli.

 

Potrebbe interessanti anche:

Covid, ancora una vittima:si tratta di un uomo di 77 anni di Isernia. Un nuovo ricovero e un solo positivo

Ancora una vittima del Covid in Molise. Si tratta di un uomo di 77 anni di Isernia, che er…