La Regione corre ai ripari per arginare il contagio da Covid. Nonostante gli ultimi due giorni il numero dei nuovi positivi sia sceso, insieme al tasso di positività che non supera il 6%, il rischio di una nuova impennata di nuovi contagi è dietro l’angolo, soprattutto in vista del Natale. Così nelle prossime ore il governatore Toma firmerà una nuova ordinanza che introduce ulteriori misure anticontagio. La prima riguarda la scuola, da sempre al centro di polemiche e sotto i riflettori. Il provvedimento prevede l’introduzione della didattica a distanza da mercoledì 9 dicembre e per due settimane, quindi fino alle vacanze natalizie, per le scuole medie. Restano aperti gli asili, mentre sulle elementari non è stata presa nessuna decisione. L’orientamento, tuttavia sarebbe quello di continuare le lezioni in presenza per non mettere in difficoltà le famiglie che non saprebbero come organizzarsi e a chi lasciare i bambini. L’altro capitolo riguarda i trasporti: i mezzi pubblici andranno utilizzati solo per motivi strettamente necessari e per lavoro. E poi attenzione puntata anche per chi rientra da fuori regione. Ci sarà l’obbligo di segnalarsi alle autorità sanitarie. Nessun obbligo di quarantena per chi si sarà sottoposto a tampone molecolare nelle 72 ore antecedenti l’arrivo. In caso contrario è prevista la quarantena, a meno che non decida di sottoporsi a tampone una volta arrivato in Molise. Il settore del commercio non subirà alcuna restrizione.

 

Potrebbe interessanti anche:

Elezioni politiche, in Molise parte la sfida in rosa

Una sfida nella sfida, è quella che si appresta a vivere il Molise alle prossime elezioni …