Home Evidenza Inquinamento nella piana di Venafro, il ministro dell’Ambiente Costa chiede l’intervento dell’Ispra
Evidenza - 30 Novembre 2020

Inquinamento nella piana di Venafro, il ministro dell’Ambiente Costa chiede l’intervento dell’Ispra

L’inquinamento nella piana di Venafro all’attenzione del ministro dell’Ambiente Costa che ha chiesto al presidente di Ispra di coinvolgere direttamente il suo istituto nell’ambito degli studi che la Regione Molise sta attualmente svolgendo per l’implementazione del monitoraggio della qualità dell’aria e la caratterizzazione delle polveri per l’individuazione delle principali fonti di inquinamento nella Piana di Venafro, ritenendo l’intervento strategico per le specifiche competenze possedute dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. A darne notizia la parlamentare molisana Cinque Stelle, Rosa Alba Testamento.
«Nella lettera inviata a Ispra – ha spiegato – il ministro Costa afferma che “dallo scorso anno il Pm10 ha registrato nuovamente un numero di eccedenze superiore a quello consentito e data la permanenza di tali superamenti anche nel 2020, nonostante la notevole diminuzione del traffico veicolare e il fermo di molte attività produttive durante la fase di emergenza covid-19, risulta necessario intervenire in modo adeguato a supporto delle politiche regionali di riduzione dell’inquinamento atmosferico per scongiurare futuri peggioramenti nell’ambito di un quadro già molto complesso”. Costa nella lettera ha anche chiesto a Ispra di essere aggiornato sulle attività e gli interventi che verranno posti in essere- ha proseguito la Testamento – Ringrazio il ministro per questa ulteriore attestazione di vicinanza alle problematiche ambientali dell’area venafrana, dopo che nelle ultime settimane il Pm10 ha fatto registrare il quarantesimo sforamento dall’inizio dell’anno, già 5 in più rispetto al numero consentito dalla normativa vigente, e il Pm2,5 ha iniziato in più occasioni nuovamente a galoppare, tornando a toccare picchi molto preoccupanti. Ora mi auguro che da parte di Regione e Arpa Molise vi sia un approccio pienamente collaborativo, nell’interesse esclusivo dei cittadini della Piana e del loro diritto a respirare un’aria più pulita e vedere tutelata la propria salute» -ha concluso la parlamentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Il mercato delle vacche

Di Angelo Persichilli Credo sia stato Luca Goldoni a scrivere nel suo libro “Colgo l’occas…