Home Sport Calcio, Serie D, il Campobasso torna in campo per gli allenamenti
Sport - 25 Novembre 2020

Calcio, Serie D, il Campobasso torna in campo per gli allenamenti

Manca ancora il protocollo, necessarie le nuove direttive prima della ripresa del 6 dicembre

Era atteso per lunedi scorso il placet alla modifica del protocollo di quarta serie consistente nell’approvazione dei test antigenici alla vigilia della partita. Un disco verde che sarebbe dovuto giungere dalla commissione medica della Figc e che per ora sta tardando ad arrivare. Fra i nodi da sciogliere, un altro di un certo peso specifico: il numero dei giocatori contagiati in organico affinché una società possa chiedere il rinvio di un incontro. Sono due condizioni necessarie che devono cambiare perché si possa tornare regolarmente in campo in quarta serie, movimento che a fine novembre ha disputato soltanto sei turni di campionato. In effetti molte società chiedono il rinvio gara con estrema leggerezza non essendoci una disciplina rigorosa a riguardo: è il caso ultimo del Porto Sant’Elpidio che domenica prossima avrebbe dovuto giocare sul campo del Rieti. La gara in oggetto è stata rinviata per casi di contagio al covid da parte di alcuni tesserati del Sant’Elpidio. Ma il Rieti si è immediatamente attivato per segnalare alla Recanatese la propria disponibilità a giocare un recupero in agenda. Cosi cambia il quadro degli incontri: domenica non più Rieti – Sant’Elpidio, bensì Recanatese – Rieti. Tutto questo a meno di quattro giorni dalla partita. Anche da questo si può evincere come l’assenza di un adeguato protocollo non possa fare altro che alimentare la confusione.

Il Tubaldi di Recanati

La notizia lieta riguarda il Campobasso che proprio ieri è tornato ad allenarsi sul sintetico di Campodipietra dopo ben tre settimane di stop. Una decina di giocatori a disposizione di Cudini e dei suoi collaboratori in attesa dell’esito di altri tamponi che potrebbero dare il via libera per gli allenamenti anche ad altri giocatori rossoblu. Questi stanno per tornare gradualmente ad una lenta normalità: in molti scalpitano non solo per gli allenamenti, ma anche per le stesse gare. Ad oggi è un mese esatto che il Campobasso non gioca una partita ufficiale: ricordiamo il 4- 0 inflitto al Matese, poi una sosta non preventivata, ma obbligata. Dal sei dicembre tutti di nuovo in campo. A Selvapiana aria di big match contro il Notaresco di Epifani che, a differenza dei rossoblu di Cudini, non si è mai fermato. Anche questo sarà un aspetto da verificare, quello fisico, dopo un periodo di fermo obbligato relativamente lungo. Sull’altro piatto della bilancia va messa la tanta voglia di giocare e la rabbia dei rossoblu che il lungo stop forzato non ha potuto fare altro che alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Calcio, Serie D, in campo regolarmente l’Agnonese. Stop per Cb e Vastogirardi, dubbi sull’operatività del nuovo protocollo

L’ultimo rinvio in ordine di tempo è quello relativo a Vastogirardi – Fc Matese. Una decis…