Home Apertura Aida Romagnuolo passa in Fratelli d’Italia. Cresce la Destra in Regione, è il primo partito in maggioranza
Apertura - Attualità - Evidenza - Politica - QD - Regione - 24 Novembre 2020

Aida Romagnuolo passa in Fratelli d’Italia. Cresce la Destra in Regione, è il primo partito in maggioranza

Fratelli d’Italia diventa il primo gruppo in regione tra le fila della maggioranza. L’ex legista Aida Romagnuolo, e fondatrice del movimento “Prima il Molise”, passa in Fratelli d’Italia iniseme a tutto il suo gruppo. “Sono felice di questa scelta. Fratelli d’Italia è un approdo per me naturale, in linea con la mia identità vicina alle fasce sociali e popolari e ai ceti più svantaggiati e fragili”, commenta l’interessata. Con l’arrivo di Aida Romagnuolo, e dopo l’adesione a Fratelli d’Italia dell’ex Governatore Michele Iorio, la Destra diventa la forza preponderante dell’alleanza che sostiene Donato Toma in Regione. Il dato politico significativo è che allo stato dell’arte in regione scompare la Lega, liquefatta dopo le scelte improvvide di Matteo Salvini che si è lasciato scappare due consigliere regionali. Insieme alla Aida Romagnuolo, infatti, è uscita dal Carroccio anche Filomena Calenda. Unico presidio leghista in regione, resta quello rappresentato dall’assessore Michele Marone. Se quindi la lega, tra le altre cose commissariata, piange, ride invece Fratelli d’Italia. Compiacimento per l’adesione della Romagnuolo è arrivato anche dall’assessore e capogruppo in regione Quintino Pallante. “Sono contento che il partito cresca sia tra gli elettori sia tra gli eletti nelle istituzioni” dice Pallante a cui va riconosciuta la coerenza politica che lo ha visto militare sempre nel centrodestra e, segnatamente, con una lunga militanza in Alleanza Nazionale dalla quale Fratelli d’Italia nasce.

Adesso bisognerà capire quale sarà l’apporto squisitamente politico che Fratelli d’Italia, grazie alla sua nuova consistenza numerica, darà al programma regionale. Sia allenza Nazionale sia Fratelli d’Italia, infatti, sono eredi di una Destra marcatamente sociale che ha radici lontanissime e che a sua volta fa riferimento alla dottrina sociale della chiesa in termini di contributo teorico e di programmi orientati verso le fasce più deboli della società.

Da definire, a questo punto anche la sorte dei gruppi regionali che fanno capo a Romagnuolo e Iorio, che, rispettivamente, sono ancora quelli della Lega e di Iorio per il Molise. Se i due decidessero di sciogliere le rispettive strutture, potrebbe nascere un solo gruppo con tre consiglieri sotto le insegne di Fratelli d’Italia.

Intanto nei prossimi giorni Aida Romagnuolo incontrerà a Roma Giorgia Meloni. Nelle prossime ore, invece, la conferenza stampa insieme al Coordinatore regionale del partito, Filoteo Di Sandro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Il mercato delle vacche

Di Angelo Persichilli Credo sia stato Luca Goldoni a scrivere nel suo libro “Colgo l’occas…