Home Apertura Covid, due anziane decedute e 96 nuovi casi positivi. Sale il numero dei ricoverati in terapia intensiva
Apertura - Cronaca - 21 Novembre 2020

Covid, due anziane decedute e 96 nuovi casi positivi. Sale il numero dei ricoverati in terapia intensiva

Due anziane decedute, di 93 e 103 anni, la prima di Isernia che era a casa la seconda di Baranello ricoverata nel reparto di malattie infettive del Cardarelli. Sale ancora il numero dei deceduti, saliti a 94, ma scende il numero dei nuoviu casi, 96 su un numero ancora considerevole di tamponi effettuati in un solo giorno: 1015. Dunque la percentuale dei casi positivi trovati rimane al di sotto del 10 per cento.
Alcuni pazienti, però, si sono aggravati e quelli ora in terapia intesiva sono diventati 11 che aggiunti ai 51 in malattie infettive portano a 62 il numero complessivo dei ricoverati al Cardarelli.
Nelle città, restano a doppia cifra Campobasso, con 22 nuovi casi, Termoli con 14, e sono questi i clusterpiù numerosi. Da segnalare anche 27 nuovi guariti.
Intanto, il presidente Toma, il direttore generale dell’Asrem, Florenzano, e il direttore sanitario, Virginia Scafarto, hanno incontrato in videoconferenza i sindaci dei Comuni per fare il punto sull’emergenza.
Una lunga riunione, riferiscono dalla Regione, che è servita, da un lato, a capire i problemi che sono stati riscontrati sul territorio, dall’altro, a rendere più efficace la collaborazione fra istituzioni e autorità sanitarie per una più puntuale comunicazione ai cittadini. Toma ha evidenziato come, sin qui, la Regione abbia ad aggiornato i sindaci attraverso report giornalieri sull’andamento epidemiologico.
Tra l’altro, fra i membri dell’Unità di crisi figura il presidente dell’Associazione dei comuni, Pompilio Sciulli, che ha anche il compito di tenere informati i sindaci.
Ai sindaci il presidente della Regione ha rinnovato la piena disponibilità a continuare a porre la dovuta attenzione alle diverse questioni segnalate dai territori, ricordando, però, che la maggior parte delle autorizzazioni occorrenti in materia sono in capo alla Struttura commissariale e questo crea qualche problema soprattutto in ordine ai tempi di attuazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessanti anche:

Disturba il sonno dei petrellesi, fermato dai carabinieri e allontanato dal paese

Petrella Tifernina: Gironzolava indisturbato, nel pieno della notte, suonando i campanelli…