All’indomani dei presunti casi di malasanità denunciati dai parenti di alcuni pazienti, parla a Telemolise il primario del reparto di Malattie Infettive del Cardarelli dove al momento sono più di 50 i pazienti ricoverati per Covid. “Lavoriamo in grande affanno perché siamo in pochi, 5 medici – dice Donato Santopuoli – ma ricoveriamo tutti e curiamo tutti i pazienti, gli attacchi ricevuti ci fanno molto male”.

Il primario spiega che i 54 posti attualemente disponibili (dislocati tra il piano terra, il primo e il quinto piano del Cardarelli) “in questo momento sono suifficienti per garantire l’assistenza” e spera che in poco tempo potrà essere aperto il reparto a bassa intensità di cura, per i malati meno gravi”.

Sui parenti dei pazienti deceduti che hanno denunciato l’abbandono dei loro cari, risponde: “Sono accuse incommentabili. Ci sono state delle cose che ci hanno fatto veramente male, noi stiamo lavorando in condizioni difficili, stiamo cercando di dare attenzione a tutti i malati. Io mi fermo almeno 10 minuti con ogni paziente”.

Potrebbe interessanti anche:

Andrea Greco si scaglia contro Vincenzo Scarano: “Prendo le distanze dalla sua candidatura col centrodestra alle Provinciali”

Vincenzo Scarano, capogruppo di minoranza di “Agnone – Identità e Futuro”…